menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campione di kickboxing, muore a 47 anni per un malore: Chioggia piange Andrea Nordio

Padre di famiglia, muratore e con un passato nelle selezioni nazionali, era noto per il suo impegno nel mondo dello sport. Cordoglio degli amici per la scomparsa prematura

Un malore improvviso. Come riportano i quotidiani locali, si è spento a soli 47 anni Andrea Nordio, per tutti "Toro", residente a Borgo San Giovanni a Chioggia. Una notizia giunta come un fulmine a ciel sereno per tutti quanti lo conoscevano e gli volevano bene, lui conosciuto come grande atleta, muratore di professione ma kickboxer per passione, sin da quando era giovane. Impensabile che quel fisico temprato possa aver ceduto ad una così giovane età.

Campione nello sport

Più volte sul podio in diversi tornei, Andrea aveva anche fatto parte delle selezioni nazionali. Erano le 17.30 di lunedì quando ha accusato il malore che non gli ha lasciato scampo. Il fratello dell'uomo ha chiamato subito i soccorsi, ma una volta giunti sul posto i sanitari del Suem non hanno potuto fare niente per salvarlo, dovendo constatarne la morte.

Il cordoglio

Tanti i messaggi di cordoglio per la famiglia, soprattutto da parte dei suoi amici e di chi ha condiviso con lui tanti anni di passione sportiva ed agonistica. I compagni ricordano il 47enne come un leader, sempre pronto ad incoraggiare gli altri e difendere i nuovi arrivati dai "più grandi". Una persona in grado di fare gruppo, di coinvolgere, sempre attento però a mantenersi in forma, nonostante gli sgarri inevitabili. Nel corso degli ultimi anni aveva deciso di abbandonare il mondo dell'agonismo, per dedicarsi alla propria famiglia a tempo pieno. Famiglia che l'ha visto volare via troppo presto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento