menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morto l'anziano scivolato giù dal tetto della sua abitazione

L'uomo il 24 ottobre scorso stava cercando di calare con una corda una bici dalla soffitta. Dopo 20 giorni di agonia in ospedale è spirato sabato sera

L.F. non ce l'ha fatta, la caduta del 24 ottobre scorso gli è stata fatale. Come riporta Il Gazzettino, il ristoratore 89enne di Cavallino è morto nella serata di sabato dopo 20 giorni di agonia.

L'anziano era salito sul tetto della propria abitazione, nel lungomare San Felice a Punta Sabbioni, per cercare di recuperare una bicicletta che era presente nella soffitta. Nel tentativo di calare il mezzo con una corda però, l'uomo avrebbe perso l'equilibrio, cadendo rovinosamente a terra. L'impatto con il terreno sarebbe stato talmente violento da rompergli i gomiti, i polsi ed uno zigomo.

L'allarme era stato lanciato dai familiari e l'uomo era stato trasportato d'urgenza con l'elicottero del 118 all'ospedale di San Donà. Nonostante le cure dei medici però, per l'anziano non c'è stato nulla da fare ed è deceduto nella serata di sabato. L'uomo era il gestore, con la moglie, del ristorante "Belvedere". Ex partigiano, ha lasciato la moglie ed i quattro figli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento