rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

È morto l'architetto Giovanni Caprioglio

Attento ai temi ambientali, è stato personaggio di spicco nella politica veneziana e presidente dell'istituzione Bosco e grandi parchi

È morto nelle ore scorse l'architetto Giovanni Caprioglio, personalità di spicco della politica e dell'urbanistica della terraferma veneziana. Aveva 78 anni. È stato consigliere e assessore del Comune di Venezia e, nella sua carriera, ha lavorato a molte opere prestigiose (tra cui il Cinema Img di piazzale Candiani), interessandosi in particolare ai temi ambientali. Negli ultimi anni è stato presidente dell'istituzione Bosco e grandi parchi di Mestre.

Architetto e amministratore

L'architetto Caprioglio, nato a Mestre nel 1943, si era laureato nel 1968 all'università Iuav con la tesi dal titolo "Ipotesi residenziale sulla gronda lagunare del Comune di Venezia". Nello stesso anno aveva aperto il suo studio a Mestre, in piazzetta da Re, iniziando l'attività professionale nel campo della progettazione architettonica, del restauro, della pianificazione e del disegno urbano. Fu consigliere comunale nel 1985 e nel 1990, poi, nella legislatura 1990-1993, assessore ai Lavori pubblici. Nel 1999, con il figlio Filippo, costituì lo studio Caprioglio Associati.

I riconoscimenti

Tra i riconoscimenti principali, nel 1989 riceve i premi In/Arch per il municipio di Rivignano e l'ospedale di Gemona; nel 1991 il premio AICA per l'hangar aeronavali a Tessera, nel 1994 (con Dario Vatta) una menzione speciale per il Cinema Palazzo al Marble Architecture Award di Carrara e nel 2008 la segnalazione al premio di Architettura Città di Venezia per gli edifici residenziali in cooperativa ad Asseggiano. Lui stesso scriveva che il proprio lavoro era «indirizzato costantemente a dare testimonianza tangibile del tentativo di riflettere su una architettura “appropriata” a luogo ed in esso presumibilmente preesistente».

L'impegno per le aree verdi

Caprioglio è stato ricordato lunedì mattina al parco San Giuliano nel corso della cerimonia di messa a dimora delle piante donate al Comune dal Museo M9. I presenti, tra cui l'assessore Massimiliano de Martin, hanno dedicato idealmente l'iniziativa di oggi a Caprioglio, evidenziando l'importante ruolo che ha svolto nella sensibilizzazione e nell'attenzione all'ambiente. «Da sempre ha seguito con dedizione la gestione di parco San Giuliano: ha mostrato che la differenza la fanno gli uomini, non soltanto nell'avere un incarico ma soprattutto facendolo con sensibilità. Se si è riusciti a mantenere questo parco sempre più fruibile e utile alla città è grazie a uomini e donne che lavorano e si impegnano in questo senso», ha spiegato De Martin.

Uomo di cultura

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, lo ricorda così: «Un uomo, ma soprattutto un amico, che ha amato così tanto il suo lavoro da metterlo sempre a disposizione della città. Un professionista e un amministratore dai toni gentili, mai sopra le righe, che ho sempre apprezzato molto. Appassionato anche il suo impegno in ambito sociale, culturale e, in particolare, in quello musicale. A sua moglie, ai suoi figli, a tutta la sua famiglia e alle tante persone che oggi piangono la sua scomparsa, le più sentite condoglianze della città e mie personali».

Messaggi di cordoglio anche dal Pd comunale, che ne ricorda «il grande impegno professionale, la passione civica e politica: una figura importante, un uomo determinato e insieme generoso che non si è mai risparmiato nell’offrire il proprio contributo alla città». Per il consigliere Gianfranco Bettin, Caprioglio «è stato un architetto, un politico, un intellettuale e un amico. Lascia un segno significativo nella nostra città, che amava con vera e operosa passione. Il suo ultimo impegno è stata la cura e la valorizzazione del parco di San Giuliano, che aveva contribuito prima a immaginare e poi a realizzare e, infine, appunto, a tutelare come presidente dell’ente. Il suo legame con Mestre in particolare, come per tutta la grande famiglia Caprioglio, era profondo, mai campanilistico, anzi di apertura internazionale, aperto alle innovazioni urbane più adeguate ai tempi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morto l'architetto Giovanni Caprioglio

VeneziaToday è in caricamento