Cronaca

Morto l'architetto Vittorio Gregotti: fu docente allo Iuav di Venezia

È scomparso domenica mattina. Aveva 92 anni. Dal 1974 al 1976 direttore delle arti visive e architettura della Biennale

L'architetto nel profilo Facebook del gruppo Un ricordo di Vittorio Gregotti

È morto domenica mattina a Milano l'architetto Vittorio Gregotti, di 92 anni. Lo riporta Ansa, secondo cui era ricoverato per una polmonite da coronavirus. Gregotti, uno dei professionisti più stimati in assoluto nel suo campo, è stato tra l'altro docente ordinario di composizione architettonica all'Istituto universitario di architettura di Venezia (Iuav). A dare notizia della scomparsa è Stefano Boeri, presidente della Triennale di Milano.


Gregotti era legato a Venezia non solo per la sua attività di docente: dal 1974 al 1976, infatti, è stato direttore delle arti visive e architettura della Biennale. Messaggi di affetto stanno arrivando in queste ore da tutto il mondo, in particolar modo da parte di colleghi e appassionati del settore.

Nato a Novara nel 1927, si è laureato nel 1952 al Politecnico di Milano ed è stato docente ordinario di composizione architettonica all'Istituto universitario di architettura di Venezia. Per la Triennale di Milano è stato responsabile della sezione introduttiva nel 1964; dal 1974 al 1976 è stato direttore delle arti visive ed architettura della Biennale di Venezia. Tra i suoi libri ''La città visibile'' (Einaudi), ''Cinque dialoghi necessari'' (Electra), ''L'architettura dell'espressionismo'' (Fabbri), ''New directions in Italian Architecture'' a New York. Gregotti ha curato anche la rubrica ''Architettura'' per il settimanale Panorama, collaborava al Corriere della sera e ha diretto le riviste ''Rassegna'' e ''Casabella''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto l'architetto Vittorio Gregotti: fu docente allo Iuav di Venezia

VeneziaToday è in caricamento