rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Giudecca / Sacca Fisola

Giallo: morto a Venezia, cadavere visto galleggiare a Sacca Fisola

L'avvistamento alle 16 nel canale della Giudecca. Unici indizi un paio di scarpe da donna e dei pantaloni attillati. Mancano la testa e le braccia

E' stato visto galleggiare a pelo d'acqua all'altezza di Sacca Fisola. Tragico ritrovamento questo pomeriggio in centro storico a Venezia: un cadavere in avanzato stato di decomposizione, infatti, è stato segnalato da pilota di gran turismo nel canale della Giudecca, all'altezza di Sacca Fisola. Le imbarcazioni, in un punto molto trafficato, sono state costrette a passare accanto a quello che a prima vista poteva sembrare uno scheletro di un essere umano. Sul posto carabinieri e vigili del fuoco, i quali hanno materialmente recuperato la salma.

Il cadavere è rimasto in acqua a lungo. Tant'è vero che dalla vita in su non ci sarebbe nemmeno l'ombra di carne. Le ossa della spina dorsale e della cassa toracica sarebbero "pulite". Lo scheletro, però, manca della testa e delle braccia. Evidentemente "perse" a causa della collisione con qualche imbarcazione di grosse dimensioni.

Gli unici indizi a disposizione degli investigatori dell'Arma che potrebbero aiutare ad arrivare a un riconoscimento della vittima (di cui per ora non sono stati rinvenuti documenti) sono un paio di stivaletti da donna con tacco di quattro o cinque centimetri e cerniera laterale che la vittima indossava al momento della morte. Le gambe, invece, sono coperte da un paio di pantaloni aderenti o panta-collant di colore scuro. Entrambi indumenti che potrebbero indicare che la donna (se di donna si tratta) non dovrebbe comunque essere stata in là con gli anni.

Impossibile per ora stabilire dove la malcapitata sia finita in acqua. Le condizioni della salma, infatti, indicano che quest'ultima sia finita in acqua da molto tempo. Il gioco delle correnti e delle maree, però, aggiunto all'intenso traffico di imbarcazioni che contraddistingue Venezia in entrata e in uscita dalle bocche di porto, potrebbe averla portata da chissà dove. Fino a Sacca Fisola.

La vicenda ricorda il caso dell'anziana trovata morta tra gli scogli di Caorle. Per identificarla qualche settimana fa si resero necessari l'autopsia e il confronto del calco dentario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo: morto a Venezia, cadavere visto galleggiare a Sacca Fisola

VeneziaToday è in caricamento