rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Castello / Sestiere Castello, 6777/a

Muore dopo la prima dose di chemio, la famiglia chiede di sapere la verità

F.P., 68 anni, è morto al Civile di Venezia alcuni giorni dopo essersi sottoposto al trattamento. I familiari hanno presentato un esposto in procura per chiarire tutti i dubbi della vicenda

E' stato operato per un tumore al colon-retto con intervento pienamente riuscito, ma dopo cinque giorni dalla prima chemioterapia è morto. E' accaduto all'ospedale civile di Venezia a F.P., 68 anni, i cui familiari hanno ora depositato in Procura un esposto per poter far partecipare un loro consulente all'autopsia, già disposta dall'istituto sanitario. "Nessun pregiudizio nei confronti dei medici - afferma Marco Vianello, avvocato dei familiari del deceduto - ma solo la volontà di capire ciò che è accaduto".

"Al paziente - rileva il legale - il tumore è stato scoperto durante una campagna di prevenzione. E' stato operato e la chemioterapia serviva a prevenire eventuali recidive; tutto sembrava andare bene e l'accaduto non si spiega. Per questo i familiari vogliono chiarezza". Ora la procura individuerà i medici che avevano in cura l'uomo, ed eventualmente - osserva l'avvocato Vianello - li iscriverà nel registro degli indagati".


Il primo ciclo di chiemio F.P. l'aveva sostenuto il 20 febbraio scorso e il successivo avrebbe dovuto essere il 5 marzo. Ma la notte del 28 febbraio, dopo alcuni giorni in cui l'uomo aveva avuto problemi di diarrea e vomito, la moglie ha chiamato il 118 perché vedeva il marito con le gambe bluastre e completamente debilitato. Immediato il ricovero. Prima nel reparto di oncologia e poi di terapia intensiva, dove avviene il decesso qualche giorno dopo. Secondo l'esposto presentato dai familiari nel foglio dell’accettazione c'era scritto "intossicazione da chemioterapia". Sarà l'autopsia a chiarire tutti i dubbi della vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore dopo la prima dose di chemio, la famiglia chiede di sapere la verità

VeneziaToday è in caricamento