rotate-mobile
Cronaca

Morto il dirigente della polizia Ettore D'Auria: negli anni di piombo lottò per l'ordine pubblico

Molto noto a Mestre, aveva 85 anni. Da sempre nella polizia, fu responsabile dei commissariati di Mestre e di Marghera, nonché della Polfer di Venezia. Mercoledì i funerali

È venuto a mancare sabato scorso a Venezia il dirigente superiore della polizia di stato in quiescenza Ettore D’Auria, di 85 anni, molto conosciuto in città. Originario di Palagianello (Ta), era entrato a far parte della polizia nel 1959, rimanendoci ininterrottamente fino all’ottobre 1996.

Giunto a Venezia come prima sede di servizio, ebbe incarichi all’ex Ufficio Politico (ora Digos), di cui divenne anche dirigente, ma fu anche responsabile dei Commissariati di Cavarzere, Mestre e Marghera. Anni intensi e febbrili, che hanno visto il suo instancabile impegno sul fronte dell’ordine pubblico (iniziavano allora le problematiche del polo industriale di Marghera) e soprattutto in relazione all’emergenza terrorismo, in anni definiti “di piombo”. Successivamente, diventò vicario del questore a Gorizia, dirigente del Commissariato di Viareggio e questore di Asti e Udine, ed infine dirigente dei compartimenti della Polfer di Trieste e Venezia. 

Lascia la moglie Antonia, i tre figli Michele (anche lui poliziotto in servizio a Padova e con il grado di Sovrintendente), Annamaria e Lucilla e due nipoti. Le esequie si terranno alla chiesa del Sacro Cuore di Mestre alle 11 di mercoledì prossimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto il dirigente della polizia Ettore D'Auria: negli anni di piombo lottò per l'ordine pubblico

VeneziaToday è in caricamento