Figlio del fondatore della Lafert di San Donà, morto a soli 61 anni Ezio Novello

Per anni aveva gestito l'azienda fondata dal padre con il fratello, rendendola un pilastro anche a livello internazionale. Si è spento per una complicazione. Era malato da tempo

Un'embolia polmonare gli è stata fatale. Come riportano i quotidiani locali, si è spento a soli 61 anni, nell'istituto che lo aveva in cura, Ezio Novello, uno dei pilastri della Lafert di San Donà, dopo una grave malattia che lo aveva colpito negli ultimi mesi.

Sulle orme del padre

Ezio aveva seguito le orme del padre, uno dei soci fondatori dell'azienda che si occupa della produzione di motori elettrici. Conduceva l'azienda con il fratello, con il quale di fatto ha reso la Lafert un'azienda di spicco non solo nel panorama italiano ma anche internazionale. Il nome della sua azienda è associato anche allo sport, dal momento che per molti anni ha sponsorizzato la squadra di rugby locale che milita nel campionato d'eccellenza.

Il cordoglio di una città intera

Lascia la moglie e i figli, nonché i fratelli e la madre, con la quale aveva un rapporto molto stretto. Famiglia molto nota e rispettata in città, inevitabile dunque che tutta San Donà si sia stretta nel dolore e nel cordoglio, per una scomparsa prematura. Molti gli amici e i colleghi distrutti dal dolore, per lui che sia sul posto di lavoro sia fuori si contraddistingueva per essere un vero e proprio punto di riferimento. I funerali saranno celebrati sabato alle 15 nel duomo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

Torna su
VeneziaToday è in caricamento