Lutto a Noale per Federico, morto a 22 anni

Un malore improvviso ne ha causato il decesso. Soccorsi vani, si è spento oggi all'ospedale di Mirano

I tentativi di soccorso non sono bastati, così come la corsa all'ospedale. È morto nelle scorse ore Federico Anile, 22 anni, residente a Noale. La tragedia si è svolta in poco tempo. Federico si è sentito male a casa di amici ieri sera, dopo cena. Sarebbe stato colto da una improvvisa crisi respiratoria, una reazione che ha fatto pensare a uno shock anafilattico: soffriva, infatti, di una forma di allergia alimentare, oltre che di asma.

Venerdì il funerale a Noale

Le persone che erano con lui hanno immediatamente allertato il 118, che ha inviato sul posto un'ambulanza. Quando i sanitari lo hanno preso in carico, però, era già in arresto cardiaco. I paramedici hanno tentato più volte di rianimarlo, prima sul posto e poi all'ospedale di Mirano. Purtroppo non è servito e nelle ore successive, il pomeriggio di martedì, ne è stato constatato il decesso.

Un dolore tremendo per la città, dove la famiglia Anile, molto conosciuta, era già stata colpita da un lutto: dieci anni fa era stato il padre di Federico, il medico di base Antonio Fabiano, a spegnersi in seguito ad una malattia. Federico lascia la madre, due fratelli e una sorella. La comunità e l'amministrazione si stringono alla famiglia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Provvedimenti del questore contro i maggiorenni delle bande violente

  • Cronaca

    Rapina al Tronchetto: la vittima colpita con una pistola. Telecamere al setaccio

  • Cronaca

    Fatture false, sequestro da 600mila euro a una lavanderia

  • Mestre

    Impianti pagati, ma pazienti senza cure: verso la chiusura la clinica "IdeaSorriso"

I più letti della settimana

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Colpito alla testa e derubato del trolley, dentro decine di migliaia di euro in contanti

  • Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento