rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Noale

Noale piange la morte di Lucio Baruzzo

Aveva 62 anni. Ex infermiere a Noale e Mirano, era andato in pensione lo scorso ottobre, prima di ammalarsi. Il padre Gino, sacrestano per decenni nella chiesa arcipretale, è morto qualche mese fa

Noale piange Lucio Baruzzo, morto ieri a 62 anni. Ex infermiere, era conosciuto per la sua grande passione per la storia locale e in particolare per le opere d’arte custodite nella chiesa arcipretale. Ad una di esse, la pala di San Giovanni Battista tra i Santi Paolo e Pietro, aveva dedicato anni di ricerche.

La passione per il patrimonio artistico della parrocchia è il frutto dei tanti anni passati da Lucio Baruzzo in chiesa, durante il tempo libero, aiutando il padre Gino, sacrestano per 60 anni, mancato soltanto cinque mesi fa all’età di 94 anni.

Dopo aver lavorato come infermiere negli ospedali di Noale e Mirano, ad ottobre del 2020 era andato in pensione; di lì a poco la malattia lo ha costretto a terpia fino all'ultimo ricovero dei giorni scorsi. Lucio lascia la moglie Katalin, la madre, i fratelli e la sorella. Il funerale sarà celebrato giovedì 3 giugno, alle 15.30, nella chiesa parrocchiale di Briana. La salma riposerà poi nel cimitero di Noale accanto a quella dell’amato papà Gino.

La moglie l'ha voluto ricordarle con le parole dello scrittore Igino Giordani, esponente del Movimento dei Focolari ai quali Lucio era molto legato: «Per seguire Gesù bisogna essere giovani o farsi giovani. Egli chiede addirittura di rifarsi bambini: ogni giorno, ogni momento, liberandosi dalla malattia della senilità spirituale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Noale piange la morte di Lucio Baruzzo

VeneziaToday è in caricamento