menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un senzatetto a Venezia

Un senzatetto a Venezia

Morto di freddo il 50enne Guglielmo, senzatetto marocchino di Chioggia

Non ce l'ha fatta a superare questo inverno: da almeno dieci anni il 50enne era presenza fissa alla stazione e al parcheggio del cimitero dove chiedeva l'elemosina. Allarme al 113 da alcuni ragazzi

Sarebbe morto dal freddo il 50enne senzatetto ritrovato in un edificio abbandonato della stazione ferroviaria di Chioggia ieri. A dare l'allarme al 113, alcune ore dopo la morte, sono stati alcuni ragazzi del Centro sociale Chioggia Lab, con cui l'uomo, marocchino in fuga dal proprio Paese, aveva fatto amicizia. Quando gli agenti sono arrivati sul posto, assieme a pompieri e il personale del Pronto soccorso, l'hanno trovato disteso a terra, assiderato, e non hanno potuto far alttro che riscontrarne il decesso.

Guglielmo, come l'avevano soprannominato, da almeno 10 anni era presenza abituale sulle strade che portano alla stazione dei treni e al parcheggio del cimitero, dove chiedeva l'elemosina agli automobilisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento