Cronaca

Le previsioni confermano 135 centimetri di marea: si alza il Mose

Un primo picco verso le due e mezza di stanotte, un altro 24 ore più tardi: le barriere dovrebbero sollevarsi venerdì sera, per la prima volta in notturna

Personale dell'Esercito al lavoro nella control room del Mose

Due maree molto sostenute di 135 centimetri sono annunciate per il weekend: una nella notte tra venerdì e sabato, intorno alle due e mezza, l'altra circa 24 ore più tardi. Con queste condizioni, come avvenuto negli ultimi mesi, è prevista l'attivazione del sistema Mose in tutte le bocche di porto della laguna di Venezia. Cinzia Zincone, provveditore alle opere pubbliche per il Nordest, ha specificato: «Alzeremo per la prima volta in notturna tutte le paratoie».

Mose attivo

Anche in questo caso, dunque, le barriere dovrebbero fare da freno alle acque del mare e impedire l'innalzamento della marea nella laguna. Siamo sempre in fase di sperimentazione, visto che il Mose sarà concluso ufficialmente non prima della fine dell'anno prossimo. Finora è sempre entrato in funzione correttamente (l'ultima volta il 2 dicembre) grazie al minuzioso lavoro dei tecnici impiegati nell'opera, tra cui il personale dell'Esercito Italiano che ha realizzato e gestisce i collegamenti tra le bocche di porto, quelli che permettono ai sistemi di automazione di attivare in contemporanea le 78 paratoie mobili (oppure, a seconda della necessità, solo di una parte di esse).

Chiusura prolungata?

In questa occasione, vista la vicinanza temporale tra i massimi previsti, c'è anche l'ipotesi di mantenere il sistema operativo per un periodo prolungato, in continuità tra i due picchi di marea, senza abbassarlo. Anche questa sarà una novità per il Mose, oltre che una sperimentazione importante.

Meteo

Il centro previsioni e segnalazioni del Comune di Venezia ha aggiornato in queste ore il bollettino maree, confermando la tendenza già ipotizzata nei giorni scorsi. Il Comune spiega che sono «previsti forti venti di scirocco fino a domenica mattina» ed evidenzia comunque che «le condizioni meteorologiche sono in continua evoluzione», invitando a seguire gli aggiornamenti.

bollettino_grafico-12-45

Maltempo e piogge

In generale, l'agenzia Arpav ha annunciato l'arrivo in Veneto di una fase di maltempo che dovrebbe avere il momento più critico nelle 24 ore tra sabato pomeriggio e domenica pomeriggio. Le precipitazioni più consistenti saranno concentrate nella giornata di domani, 5 dicembre, e nelle 48 ore comprese tra il pomeriggio di oggi e quello di domenica 6 dicembre. C'è un avviso di criticità, valido fino alla mezzanotte di domenica, che eleva il livello di allerta a rosso (allarme) nel bacino del Piave Pedemontano, tra le province di Belluno e Treviso a partire dalle ore 14 di domani 5 dicembre fino alla mezzanotte di domenica. Per quanto riguarda i bacini dell’Alto Piave e Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone viene confermato lo stato di preallarme (allerta arancione) fino alla mezzanotte di domenica per criticità idrogeologica e lo stesso livello di allerta per criticità idraulica anche nel bacino del Livenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le previsioni confermano 135 centimetri di marea: si alza il Mose

VeneziaToday è in caricamento