menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mose: l'ex generale della Gdf, Emilio Spaziante, dovrà pagare un milione di euro

Per grave danno di immagine alla Guardia di Finanza: "In considerazione dell'indubbia e intrinseca gravità dei fatti contestati e del clamore mediatico conseguitone"

Un milione di euro. È la cifra che, secondo la condanna della Corte dei Conti della Lombardia, dovrà pagare l'ex generale della guardia di finanza, Emilio Spaziante, che ha patteggiato 4 anni per concorso in corruzione nel caso Mose.

Immagine

Per i giudici Spaziante ha "arrecato una grave lesione all'immagine dell'amministrazione pubblica di appartenenza", ossia le Fiamme Gialle, "in considerazione dell'indubbia e intrinseca gravità dei fatti contestati e del clamore mediatico conseguitone". Lo scrive la Corte dei Conti nella sentenza.

Impatto negativo

Nel quantificare la misura del danno i giudici fanno riferimento nel provvedimento alla "qualifica di generale di Corpo d'Armata" di Spaziante, all'epoca dei fatti contestati, alla "pervicacia" del suo "comportamento socialmente riprovevole", alla "ripetitività degli episodi corruttivi" e all'"enorme impatto negativo sullo stato d'animo e sui sentimenti sia dell'amministrazione di appartenenza, sia dell'opinione pubblica". Nella sentenza i giudici riportano diversi passaggi degli atti del procedimento penale che si è concluso col patteggiamento, ricordando che l'ex generale era coinvolto nell'inchiesta sul Mose per "aver fornito" informazioni "riservate sulle indagini in corso e su alcune verifiche fiscali operate dalle Fiamme Gialle sulle attività del Consorzio Nuova Venezia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento