menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mose, i costi per la manutenzione sono esorbitanti: previsti 95 milioni di euro l'anno

Cifre indicate dal provveditore Roberto Linetti. Una montagna di soldi per garantire il funzionamento di macchinari e paratoie, ma anche per la salvaguardia dell'ambiente lagunare

Il Mose continua a richiedere esborsi enormi sul piano economico, l'ultimo calcolo parla di 95 milioni di euro l'anno per la manutenzione. Sono soldi necessari per garantire il funzionamento dell'opera, che altrimenti non ha senso di esistere. Le cifre, come riporta La Nuova Venezia, sono state indicate dal provveditore alle opere pubbliche, Roberto Linetti, che ha richiesto l'erogazione urgente di contributi da inserire nella prossima Finanziaria.

Mancano 221 milioni per il completamento, ma molti altri per l'attività di gestione. Al governo è stato chiesto di avere subito altri 300 milioni: due terzi (193,5) sono per il Mose e la sua gestione, 102 sono per la conservazione della laguna: bricole, marginamenti, vigilanza del moto ondoso, efficienza idraulica e vivificazione di alcune aree. I soldi sarebbero così suddivisi: 115 milioni nel 2017 (70 per il Mose, 45 per la laguna); altri 53 più 35 nel 2019 e ulteriori 70 più 22 nel 2020. A quel punto inizierà la gestione ordinaria: a regime, sempre secondo Linetti, serviranno 80 milioni più 15 per la laguna. Totale, 95 milioni l'anno.

Soldi che saranno utilizzati prima di tutto per realizzare l'attrezzatura di manutenzione, compresa la sala di controllo. E poi nuove strutture per la manutenzione delle paratoie, nonché l'attività di movimentazione delle paratoie alle bocche di porto e il mantenimento in efficienza di tutti i macchinari. Se i fondi non ci saranno l'ipotesi è che le attività possano essere sospese. Alcuni problemi sono già stati registrati negli ultimi tempi, ad esempio la formazione di muffe nelle gallerie sottomarine: il motivo è l'assenza di aerazione, possibile solo con mezzi meccanici e impianti che sono ancora da realizzare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento