Il nuovo comandante provinciale dei carabinieri è arrivato a Venezia

Mosè De Luchi arriva dal comando del X reggimento carabinieri Campania. Originario di Asolo, ha comandato anche le compagnie di Bolzano e Tempio Pausania

Il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Venezia, colonnello Mosè De Luchi

Ha lasciato da 48 ore il comando del X Reggimento carabinieri Campania per catapultarsi nella realtà lagunare. Per lui non nuova: se dal punto di vista professionale ha girato l'Italia, da nord a sud, con esperienze anche all'estero, il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Venezia, il colonnello Mosè De Luchi, è veneto, originario di Asolo, dove ha vissuto fino al 1989. E in laguna, prima di arruolarsi nell'Arma, ha cominciato anche a frequentare l'università Ca' Foscari. De Luchi è stato presentato alla stampa questa mattina, presso la caserma del comando di via Miranese a Mestre.

La carriera

Dopo 30 anni di carriera, che lo hanno visto impegnato, tra gli altri incarichi, al comando delle compagnie di Bolzano e Tempio Pausania, oltre che per 3 anni ad Abu Dhabi (con incarico diplomatico), il colonnello De Luchi torna quindi in Veneto. «È un privilegio poter servire in questa realtà. - ha commentato - Ogni giorno metterò il massimo dell'impegno per onorare questo servizio». Il nuovo comandante raccoglie il testimone dal colonnello Claudio Lunardo, trasferito al comando generale di Roma, dove ha assunto l'incarico di capo ufficio affari giuridici e condizione del personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

Torna su
VeneziaToday è in caricamento