menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Funziona? Facile con mare piatto" Ancora ondate di critiche sul Mose

I contrari e gli scettici non si accontentano delle prove in pompa magna di sabato e insistono: "Sono stati usati modelli non predittivi della realtà"

La presentazione e le prove tecniche in pompa magna, alla luce dei flash delle macchine fotografiche e delle spie rosse delle telecamere, non sono bastate: per gli scettici il Mose resta un progetto in grado ancora oggi di sollevare più dubbi che certezze. Comitati contrari, associazioni ambientaliste e politici poco convinti non interrompono la loro battaglia contro la grande opera della laguna e, anzi, a pochi giorni dall'evento mediatico di sabato hanno colto la palla al balzo e hanno sollevato di nuovo la testa, forti di diversi pareri tecnici secondo i quali, a riprese finite, le prove tecniche delle paratoie avrebbero dimostrato poco o niente.

IL MOSE IN FUNZIONE: IL VIDEO DELLE PROVE

I NO MOSE IN PRIMA LINEA: PROTESTE

SITUAZIONI DIFFERENTI – Facile, sostengono i comitati del “no” sulle pagine della Nuova Venezia, che la diga mobile funzioni correttamente quando il mare è piatto come una tavola o lo scirocco è l'unico vento a battere le bocche di porto. La vera prova del nove, insistono i “malfidenti”, si avrà solo nel momento di crisi, tra onde alte e bora sferzante: solo allora si potrà vedere se davvero i modelli sviluppati dai tecnici del Consorzio basandosi su vasche e modellini in scala resistono alla prova della realtà. Questa è da anni l'argomentazione di un ingegnere che nel 2008 propose un progetto alternativo a quello di Venezia Nuova, motivo per cui all'epoca venne anche citato per diffamazione dallo stesso Cvn. La grande società ha perso però la causa e gli scettici della prima ora hanno trovato un nuovo cavallo da battaglia.

LA PROVA DEI FATTI – Ma il grido dell'ingegnere “dissidente” non è il solo ad alzarsi contro le soluzioni adottate per la realizzazione di paratoie e affini. In molti, negli anni, hanno sollevato obiezioni sui metodi di progettazione del Consorzio, troppo spesso giudicati non predittivi. Quello che si vede in un modello, in una vasca controllata, sostengono i critici, non può essere indicativo di quanto accade in scala 1:1, quando nell'equazione si inseriscono volumi maggiori, resistenze più ostinate e, soprattutto, la dirompente imprevedibilità del mare. In ballo c'è sempre il fenomeno della “risonanza subarmonica” (per semplificare: l'eccesso di energia accumulato nelle dighe a causa delle diverse sollecitazioni a cui sarebbero sottoposte), che rischierebbe di danneggiare tanto le paratie quanto l'ecosistema lagunare con maree instabili. Il Consorzio, sostengono ora anche Gianluigi Placella, Beppe Caccia, Sebastiano Bonzio e Renzo Scarpa, non ha mai risposto a certe domande: è ora che cominci a farlo, e in tempi e modi che permettano a tutti i veneziani di ascoltare bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento