rotate-mobile
Cronaca

Scandalo Mose: l'ex presidente della Regione, Giancarlo Galan, dovrà risarcire 5,8 milioni

Nel dettaglio, 5,2 milioni di euro per il danno all'immagine e il resto per il "disservizio" causato dal coinvolgimento. La sentenza emessa dalla Corte dei Conti del Veneto, lunedì

L'ex presidente della Regione, Giancarlo Galan, deve risarcire 5,8 milioni di euro per il danno all'immagine e da disservizio provocati all'ente per il coinvolgimento nello scandalo Mose. Nello specifico 5,2 milioni per il danno all'immagine e la somma restante per il "disservizio". La sentenza di condanna è stata emessa lunedì dalla Corte dei Conti del Veneto. Il legale di Galan, Franco Zambelli, ha annunciato di voler presentare appello.

La notizia ha subito mandato in fibrillazione il quadro politico locale. Il gruppo consiliare regionale del Movimento Cinque Stelle ha espresso in una nota "grande soddisfazione per la sentenza. Avevamo auspicato in numerose occasioni un risarcimento del danno da parte di Galan. Ringraziamo dunque la Corte dei Conti per questa giusta condanna, nei confronti di una persona che ha infangato il nome della nostra regione facendola balzare alle cronache nazionali per la più grande tangente della storia di questo Paese. La vergogna non si cancella, ma intanto questi 5,8 milioni di euro li vogliamo fino all’ultimo centesimo. Niente sconti, niente scorciatoie - concludono - vogliamo giustizia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo Mose: l'ex presidente della Regione, Giancarlo Galan, dovrà risarcire 5,8 milioni

VeneziaToday è in caricamento