Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Lido

Blocchi a piazzale Roma: "Agito in emergenza, pensiamo a una gara tra artisti per abbellirli"

Nella mattinata di lunedì l'arrivo del Lince dell'esercito all'ingresso di Venezia. Possibili rallentamenti negli orari di punta. Brugnaro prudente: "Ci sono dei punti da migliorare"

La 74. Mostra del Cinema di Venezia è ormai alle porte, si parte mercoledì prossimo con la giornata inaugurale, ma continuano le mosse del Comune e delle forze dell'ordine per garantire la massima sicurezza in laguna. L'allerta è ancora molto elevata a seguito dei recenti attentati di Barcellona, e non si vuole dare nulla per scontato, garantendo alla città una vero e proprio assetto antiterrorismo.

JERSEY E AUTOBLINDO DELL'ESERCITO

Dopo la posa delle barriere jersey, blocchi di cemento posizionati a mo' di "S" per rallentare l'andatura dei mezzi provenienti da Mestre, nella mattinata di lunedì è arrivato anche il Lince dell'Esercito, mezzo blindato posto all'ingresso della città, per garantire un'ulteriore barriera in vista della kermesse lagunare. Chi arriverà al terminal automobilistico in auto o con i mezzi sarà costretto a dei percorsi obbligati, segnalati a partire da San Giuliano. Inevitabili dovrebbero essere comunque i disagi al traffico in entrata, specie nelle ore di punta della giornata, quelle in cui ci si aspetta un maggior affluso di turisti e visitatori in città. Per la verità lunedì tutto è filato liscio: "Ci sono stati rallentamenti di massimo 30 secondi", ha spiegato il questore Vito Gagliardi. Sopralluogo anche del direttore generale di Avm, Giovanni Seno. La preoccupazione principale, visto il maltempo, era dettata dal possibile assalto dei turisti delle spiagge al centro storico lagunare. Il sistema, però, ha retto. I visitatori si accorgono dell'apparato di sicurezza e lo accolgono con favore, ignari che si tratta di una novità dell'ultimo minuto.

LINCE DELL'ESERCITO, L'ARRIVO A VENEZIA: VIDEO

Il sindaco Luigi Brugnaro, a margine della conferenza di presentazione del completamento dei lavori al Lido, si è mostrato prudente: "Il risultato è visibile - ha commentato - Adesso si prevede una settimana in cui arriveranno persone che sapranno ben poco dei necessari accorgimenti per la sicurezza che abbiamo attuato, dovranno mettere in conto dei tempi di percorrenza leggermente superiori per arrivare a Venezia. È un percorso che facciamo, sono 20 anni che nessuno si preoccupa di questa cosa. Mi auguro che vada nel migliore dei modi". Anche il presidente della Biennale, Paolo Baratta, è intervenuto sul tema: "Le barriere di cemento oramai saranno familiari per i cittadini, dovremo abituarci ad averle sotto casa".

UNA GARA TRA ARTISTI

Il primo cittadino si è poi soffermato sulla possibilità di mescolare arte e sicurezza, già in vista della Biennale del prossimo anno. Trasformando le necessarie precauzioni in un valore estetico aggiunto. "Penso a delle grandi fioriere o ad una gara tra artisti per realizzare delle opere o sculture - ha chiosato - Adesso dovevamo agire d'emergenza e siamo stati costretti a muoverci in questo modo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blocchi a piazzale Roma: "Agito in emergenza, pensiamo a una gara tra artisti per abbellirli"

VeneziaToday è in caricamento