menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spettacolo: la Mostra del Cinema spegne ottanta candeline

Il 6 agosto la Mostra del Cinema di Venezia compie 80 anni. E la 69ma edizione del festival darà spazio al ricordo di quella prima volta del 1932

Ottanta anni anni fa, il 6 agosto 1932, al Lido di Venezia, sulla terrazza dell'Hotel Excelsior, ebbe inizio - ideato e realizzato dalla Biennale di Venezia - il primo festival cinematografico internazionale al mondo.

Alle 21.15, su uno schermo appositamente allestito all'aperto, fra qualche scroscio di pioggia fu proiettato Dr. Jekyll e Mr. Hyde di Rouben Mamoulian. Al film seguì un gran ballo nei saloni dell'Excelsior.

"Nata dal ceppo della Biennale Arte - dichiara il Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta - la Mostra del Cinema fu concepita fin dagli inizi con la sensibilità, la ricchezza e la vocazione alla pluralità di voci, proprie della mostra d'arte. Tale fu il modello a cui si ispirarono, nel dar vita a una mostra cinematografica, Antonio Maraini e il Conte Volpi (rispettivamente direttore e presidente della Biennale). Film di ricerca di giovani registi trovarono subito posto nell'Esposizione Internazionale del film sperimentale a passo ridotto, definita la 'Piccola Biennale', che, con straordinario successo di critica e pubblico, affiancò per tre edizioni (1934-1936) la 'Grande Biennale' dell'Arte, del Cinema, della Musica, del Teatro. Già nel 1938 la Mostra del Cinema organizzò la sua prima retrospettiva, dedicata al cinema francese, curata dal critico e studioso veneziano Francesco Pasinetti, all'epoca giovanissimo. La Mostra si sviluppò presto in modo completo, ricca di sezioni, spunti e idee, modello per tutti i futuri festival, avendo ben presente, come ricordò nel discorso d'apertura l'allora Presidente Conte Volpi, la complessità del cinema, allo stesso tempo arte e industria, cui occorre dedicare sia libero spirito di ricerca, che attenzione alle esigenze di diffusione e promozione".

Quella del 1932 al Lido "fu un'annata memorabile", scrisse il giovane critico Michelangelo Antonioni in un articolo di dieci anni dopo. Giunsero sullo schermo dell'Excelsior, fino al 21 agosto, le opere di maestri quali Mario Camerini (Gli uomini, che mascalzoni, primo film italiano a essere presentato, con grande successo, l'11 agosto), Frank Capra (Forbidden), René Clair (A nous la liberté), Alexandr Dovzenko (Terra), Edmund Goulding (Grand Hotel), Joris Ivens (Regen), King Vidor (The Champ). In tutto, ventisei film di sette nazioni.

Fin da quella prima edizione i film proiettati al Lido, "per speciale concessione del Capo del Governo", poterono essere visti "nella loro forma originale e nella loro integrità assoluta", come dettava il regolamento.

In occasione dell'80/o anniversario della Mostra, durante la 69/a edizione si terrà 80!, una retrospettiva di dieci film (sette lungometraggi e tre corto/mediometraggi) presentati nel corso delle precedenti Mostre. I film sono stati selezionati in base a criteri di rarità, utilizzando e restaurando le copie delle Collezioni dell'Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale. (ANSA)

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2012: I FILM IN CONCORSO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento