menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Marco Secchi (twitter)

Foto Marco Secchi (twitter)

Brugnaro faccia a faccia coi NoNav "Sarebbero da denunciare tutti"

Il sindaco all'inaugurazione della mostra fotografica dell'Ordine dei giornalisti: "I barchini dei NoNav che passano davanti alle navi provocano rischi enormi"

E' uno dei temi che più ha diviso la città negli ultimi anni: nei mesi scorsi è stato uno degli argomenti principali anche della campagna elettorale che poi ha portato Luigi Brugnaro a essere eletto sindaco. Grandi Navi, un bene o un male per Venezia? Forse una risposta univoca a questa domanda non la si avrà mai. Fatto sta che uno dei principali alfieri del "sì", proprio il titolare di Ca' Farsetti, mercoledì mattina ha avuto un incontro faccia a faccia con una trentina di aderenti al comitato "No Grandi Navi", da cui naturalmente sono piovute contestazioni e critiche, culminate con il "dono" di una delle famose bandiere del comitato, che hanno fatto capolino durante le numerose (e recenti) manifestazioni di protesta contro le navi da crociera.

TUTTI I DETTAGLI SULLA MOSTRA

L'occasione è stata l'inaugurazione di una mostra fotografica che tenta di analizzare in maniera imparziale il tema. "Grandi navi - Danno o risorsa per Venezia?", questo il titolo dell'esposizione, visitabile gratuitamente fino al 16 ottobre. Saranno esposte 27 immagini di fotoreporter dei quotidiani locali. Immagini di grandi dimensioni, di formato 240 centimetri per 160, montate su parallelepipedi triangolari a simboleggiare le prue delle navi che aiuteranno ad analizzare la vicenda da tutti i punti di vista. "Ringrazio l'Ordine dei giornalisti per l'operazione-verità che ha fatto. A me, le navi piacciono e a Porto Marghera siamo i più bravi nel mondo a farle: per noi, le navi sono il simbolo di Venezia - ha commentato il sindaco Brugnaro - E' un atteggiamento diverso, rispetto alla mostra di Berengo Gardin, un'iniziativa a cui plaudo, perché l'Ordine dei giornalisti ha compreso la necessità di essere super partes, a prescindere - ha continuato -. A me le navi piacciono, la loro imponenza è l'imponenza di Venezia, perché questa città ha una scala diversa, c'è poco da fare. Ma non per questo devono piacere a tutti".

Dopodiché, all'uscita, l'incontro con i NoNav, con tanto di consegna della loro bandiera: "Sono anni che ritardano la soluzione del problema, con le navi che, nel frattempo, continuano a passare per San Marco. La loro è una responsabilità storica - ha dichiarato - Ci auguriamo anche noi che le navi passino attraverso Malamocco, ma intanto, i barchini dei 'NoNav' che passano davanti alle navi da crociera provocano rischi enormi e sarebbero tutti da denunciare. Manifestare con le bandiere è legittima opposizione, ma non democrazia. Il futuro delle navi è l'arrivo a Porto Marghera, ma ora dobbiamo pensare a salvare posti di lavoro". L'esposizione è stata concepita come una mostra itinerante che toccherà altre città italiane. A Venezia si svolge a palazzo Turlona, in calle Pezzana San Polo 2162, dove rimarrà aperta al pubblico dal lunedì al venerdì con orario 10 -13 e 14.30 - 17.30.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento