menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moto ondoso, per l'estate arriva il presidio fisso in bacino San Marco

Oltre alla postazione fissa saranno anche aumentate le telecamere e si pensa al sequestro e alla confisca delle barche dei trasgressori

Venezia si prepara alla 55esima Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea, la prestigiosa “Biennale”, e in vista del grande afflusso di visitatori che raggiungeranno la laguna per l'occasione e per la stagione estiva l'amministrazione prepara misure speciali anche contro il moto ondoso.

I CONTROLLI – Nella giornata di giovedì in prefettura a Venezia si è tenuto un tavolo tecnico proprio per discutere di quali saranno le novità che entreranno in attivo nei prossimi mesi. Al termine della riunione è stato deciso di potenziare i servizi di controllo, installando un presidio di vigilanza fisso in bacino San Marco. Nelle prossime settimane verranno poi aumentate le telecamere collegate alla capitaneria di porto e sarà completato il sistema predisposto dal Comune nel centro storico per rilevare la velocità delle barche. Per definire le modalità operative dei servizi di sorveglianza sarà indetta nei prossimi giorni una riunione tecnica in questura, ma nel frattempo si discute già di un nuovo inasprimento delle pene per i trasgressori. Stando a quanto si vocifera, infatti, esiste la concreta possibilità che non solo vengano aumentate le sanzioni in denaro, ma che assieme alle multe si decida di procedere anche a pene accessorie, come il sequestro o la confisca delle imbarcazioni dei trasgressori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento