rotate-mobile
Cronaca Castello / campo santa Marina

“Non c'è il timbro legale”, multa di 37mila euro per due marmisti

Artigiani di campo Santa Marina affossati dalla Provincia per una pratica burocratica legata alla normativa di smaltimenti degli scarti di lavorazione

Artigiani nella morsa della crisi. E della burocrazia. Sembra proprio che i soldi che non se ne vanno con una, se ne debbano andare per forza con l'altra. Due marmisti di Venezia dovranno pagare 37mila euro per la mancanza di un timbro. Questa la batosta che dovrebbe arrivare alla loro ditta di Castello, a campo Santa Marina, dagli uffici del Nucleo ambientale della polizia provinciale. Come segnala La Nuova, la multa sarebbe dovuta all'assenza di timbro in tre bollettari riguardanti gli scarti di lavorazione del marmo, regolarmente inviati allo smaltimento.

I due artigiani avevano tirato un sospiro di sollievo quando, all'Agenzia delle Entrate, avevano scoperto che si trattava di una "piccola" multa. Pochi giorni dopo è arrivata la stangata da 37mila euro. Una multa di 516 euro per ogni pratica che poteva essere irregolare. La polizia ne ha contestate 71. "Violazione della normativa legata allo smaltimento di rifiuti" sarebbe infatti l'accusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non c'è il timbro legale”, multa di 37mila euro per due marmisti

VeneziaToday è in caricamento