menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fuori comune per abbandonare bidet e wc per strada: scoperto, multa da 500 euro

Rifiuti abusivi lasciati accanto ai cassonetti a San Donà. Responsabile individuato grazie al sistema di videosorveglianza. Il sindaco Cereser: "Servirsi dell'ecocentro"

È partito da Jesolo per abbandonare abusivamente dei sanitari a San Donà, in via Rorato, vicino ai cassonetti della differenziata. Ma gli è andata male. Una videocamera della polizia locale collocata nei paraggi ha ripreso le sue mosse, registrando il numero di targa della sua auto. E il 35enne jesolano si è visto recapitare una sanzione di 500 euro. Già un mese e mezzo fa era stato individuato l’autore di un conferimento abusivo analogo nello stesso punto. «Quei cassonetti sono soggetti a controlli campione insieme ad altri siti – così il comandante la polizia locale, Marino Finotto – Conferire abusivamente rifiuti perciò non paga. Può andare bene una volta, ma vale la pena a fronte di multe così elevate?».

E si preannunciano tempi ancora più duri per i furbetti dei rifiuti, con l’entrata in servizio di altri tre impianti di videosorveglianza. «L’introduzione delle telecamere da parte di questa amministrazione ha avuto un effetto deterrente decisamente positivo – spiega il sindaco Andrea Cereser – In alcune aree, dove sono state comminate più sanzioni, il fenomeno dei conferimenti impropri è praticamente sparito. Che questi episodi ancora avvengano, quindi, continua a stupirmi. Il consiglio è sempre lo stesso: rivolgersi al proprio ecocentro di riferimento».

I cittadini di San Donà di Piave possono rivolgersi all’ecocentro di via Maestri del Lavoro, che è quello con il maggior numero di aperture nel Veneziano. Accetta infatti conferimenti per quattro giorni la settimana, il martedì, giovedì, sabato dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18 e il venerdì dalle 15 alle 18, festivi esclusi. «Invito a utilizzare questo servizio gratuito non fosse altro per evitare il rischio di sanzioni, ma soprattutto per rispetto nei confronti dell’ambiente, del decoro e dei contribuenti che si comportano correttamente» aggiunge Cereser.

Lo scorso anno grazie alle telecamere sono state comminate circa 40 multe, per un incasso complessivo prossimo ai 10mila euro. Sono state comminate anche alcune contravvenzioni da  500 euro a fronte di una media di 200 euro per sanzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento