Giustizia lumaca per le multe, Adico: "Giudici di pace al collasso"

L'associazione in difesa dei consumatori denuncia la grave situazione a Venezia: "Bisognerà aspettare il 2016 solo per l'udienza sui ricorsi di decine di sanzioni comminate in via Manin e via Torre Belfredo-Spalti a Mestre"

Che l'epiteto "giustizia lumaca" sia ormai una verità se ne sono accorti un po' tutti coloro che hanno avuto a che fare con avvocati e tribunali. Perfino il ricorso per una multa, però di questi tempi, rischia di diventare un calvario. E' il caso di Venezia dove, come denuncia Adico, il sistema giustizia che fa capo ai Giudici di Pace è ormai al collasso: "Gli uffici di Venezia possono contare su sette dipendenti (e nessun dirigente), e sette sono anche i Giudici di Pace (su un organico previsto di 31) che hanno in carico un migliaio di fascicoli a testa". Un'enormità che mette in difficoltà quotidianamente oltre agli stessi Giudici anche i cittadini che, magari, hanno solo deciso di fare ricorso per una contravvenzione: "I ricorsi sono stati presentati ancora lo scorso dicembre, ma solo ieri, dopo nove mesi, sono stati iscritti a ruolo negli uffici del Giudice. Insomma, quasi sicuramente bisognerà aspettare il 2016, prima che si vada in udienza a discuterli". 

Sul banco degli imputati le decine di multe comminate dalle telecamere di via Manin e via Torre Belfredo-Spalti a Mestre, sanzioni da migliaia di euro: "Gli uffici del Giudice di Pace sono al collasso, come ha ricordato recentemente la coordinatrice Nadia Santambrogio – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – soprattutto dopo l’accorpamento a Venezia degli uffici di Dolo e di Mestre. E’ una situazione che rischia di esplodere, al di là dei casi che stiamo seguendo noi. Per quanto riguarda invece la nostra esperienza diretta, i soci che tramite i nostri legali hanno presentato ricorso al Giudice contro le multe di via Manin e di via Torre Belfredo sono molto preoccupati, dato che hanno in sospeso importi molto elevati e ovviamente sono in attesa dell’udienza che ormai, vista la situazione, slitterà quasi sicuramente al prossimo anno, quindi un anno dopo il ricorso stesso” .

Garofolini chiude amaro: "I Giudici sono chiamati a un superlavoro e a loro non si può imputare nulla. Però chi ha il potere di farlo deve intervenire in modo deciso per cambiare radicalmente la situazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento