I veneziani possono muoversi in barca tra i canali per necessità: la conferma dell'Interno

La conferma è stata data al sindaco Brugnaro dal prefetto di Venezia Zappalorto. Ci sarà naturalmente l'obbligo di portare con sé l'autocertificazione

«Le imbarcazioni sono utilizzabili per i movimenti delle persone, ovvero per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e per motivi di salute». Questa la lettera ufficiale di risposta inviata oggi dal prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, al sindaco Luigi Brugnaro, che ieri aveva ufficialmente interpellato il titolare di Ca' Corner facendosi portavoce degli interrogativi dei residenti nella città antica e nelle isole.

La risposta non lascia spazio a dubbi, tanto che il prefetto Zappalorto, nel sottolineare più volte che gli spostamenti sono consentiti solo per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute ed emergenze, ha sottolineato come «non sia necessaria alcuna interpretazione estensiva» delle norme in vigore. »Ciò che vale per i mezzi privati di trasporto sulla terraferma (auto, moto, bicicletta) è applicabile anche ai mezzi privati di trasporto sull'acqua quali sono le piccole imbarcazioni da diporto - si legge - l'uso delle piccole imbarcazioni da diporto può concorrere a evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici e quindi a favorire le misure di contenimento volute dal Governo». Confermato l'obbligo di avere con sé il modello aggiornato per l'autocertificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ringrazio il Signor Prefetto per la rapidità della risposta - commenta il sindaco Luigi Brugnaro, che nei giorni scorsi durante le quotidiane dirette dalla Smart Control Room del Tronchetto aveva lanciato un appello al Governo chiedendo chiarezza su questo punto - Si tratta di un tema vitale per una città come Venezia che vive sull'acqua, unica al mondo. Ringrazio per la sensibilità anche il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, con cui c'è stata una cordiale telefonata subito dopo la mia richiesta di chiarezza all'Esecutivo. È importante che la politica nazionale, soprattutto in queste settimane difficili, si accorga della specificità di Venezia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento