menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un museo dell'acqua a Venezia: "Favorevoli alla proposta, accoglierà futuro della risorsa"

L'annuncio dell'assessore De Martin è arrivato nel corso del workshop "Towards a Global Network of Water Museums", organizzato dall'Unesco martedì mattina a Palazzo Zorzi

L'assessore comunale all'Urbanistica e all'Ambiente, Massimiliano De Martin, è intervenuto martedì mattina all'apertura del workshop internazionale “Towards a Global Network of Water Museums”, organizzato dall'Ufficio regionale dell'Unesco a Palazzo Zorzi. Lo scopo della tre giorni è duplice: da un lato proporre una riflessione sui modelli di gestione dell'acqua che sono stati sviluppati nel passato da parte delle comunità dell'acqua disseminate sul Pianeta, dall'altro cercare nuovi modi per arrivare ad un consumo sostenibile di questa risorsa, messa oggigiorno sempre più a rischio dal cambiamento climatico, dall'inquinamento e dallo spreco. Partecipano al convegno, che si chiuderà giovedì, rappresentanti di musei dedicati all'acqua provenienti da diverse parti del mondo.

"Oggi qui l'Amministrazione si presenta a braccia aperte per accogliere la proposta di un museo dell'acqua a Venezia - ha dichiarato De Martin, dopo aver evidenziato come l'attuale Giunta sia attenta al tema della convivenza con l'acqua, che ha da sempre caratterizzato la storia della città - Solitamente quando si apre un museo si raccolgono le cose già fatte, questo invece sarà un museo che accoglierà il futuro, quindi le cose da fare, perché l'acqua è una risorsa che va assolutamente preservata. Un appello che va lanciato in particolare al mondo dell'industria - ha continuato - è quello di etichettare i propri prodotti, dichiarando anche quanta ne viene utilizzata per la loro realizzazione".

L'assessore ha poi voluto ringraziare l'Unesco, a nome dell'Amministrazione, per la sensibilità dimostrata negli anni verso Venezia: "È nostra ferma intenzione interloquire con l'Unesco e partecipare a progetti concreti, com'è questo”. Riguardo alla gestione della risorsa idrica a livello locale, De Martin ha concluso ricordando che, nella relazione presentata all'Unesco a Parigi lo scorso gennaio, la Giunta ha proposto di fare una buffer zone non limitata alla sua costa, ma di pensare ad un bacino scolante, dalle sorgenti fino ai delta dei fiumi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento