Spacciatore sorpreso a nascondere la cocaina nel frigo dei gelati

È stato fermato dai carabinieri in un locale di Marcon. I militari hanno arrestato uno spacciatore in via Ca' Marcello e denunciato conducenti alla guida sotto l'effetto di alcol e marijuana

Prima l'hanno sorpreso con vari grammi di marijuana e due dosi di cocaina pronte per essere spacciate, poi l'hanno arrestato e portato in carcere. Il 31enne A.A., già noto per numerosi precedenti penali, infatti, doveva scontare ancora una condanna del tribunale di Firenze per episodi di spaccio tra le province di Empoli e Pisa risalenti al 2012. L'uomo, rintracciato dai carabinieri del Norm in via Ca' Marcello, pensava probabilmente che cambiando zona, passando dalla Toscana al Veneto, avrebbe trovato vita facile. Così non è stato.

Cocaina nel frigo dei gelati

I controlli degli ultimi giorni hanno permesso anche di fermare uno spacciatore romeno all'interno di un bar di Marcon. Quando i militari dell'Arma sono entrati nel locale, infatti, l'uomo ha cercato di nascondere all'interno del frigo dei gelati 5 grammi di cocaina. Un tentativo comunque piuttosto goffo, che non è sfuggito agli uomini in divisa.

Denunciati sei giovani

I carabinieri di Mestre negli ultimi giorni hanno anche denunciato due persone alla guida, sorprese rispettivamente al volante al limite del coma etilico e sotto l'effetto di marijuana (e con alcuni grammi di "maria" in bella vista sul sedile). Sono invece 6 in tutto i govani sorpresi a consumare marijuana, e segnalati alla Prefettura, mentre in casa di un cittadino romeno incensurato è stata trovata e sequestrata una piantina di marijuana alta circa un metro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento