Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Marghera

Approdi diffusi, ecco dove andranno le navi da crociera

A Fusina, Marghera e, le più piccole, alla Marittima. In tutto una trentina nel 2021. Il presidente Di Blasio: «Così si recupera il 50% della crocieristica di quest'anno: una prima risposta per salvare la stagione e il lavoro»

L'Autorità portuale di Venezia ha annunciato il calendario di approdi temporanei 2021 per le navi da crociera, che prevede l’arrivo di circa 18 unità più "piccole" al terminal passeggeri della Marittima (sotto il limite di 25.000 tonnellate), 10 al terminal Venice RoPortMos di Fusina, una al terminal Vecon (Porto Marghera) e due la cui destinazione verrà definita nei prossimi giorni. Le navi con stazza lorda superiore ai limiti previsti dal decreto, che ora vieta il transito nel canale della Giudecca e bacino di San Marco, percorreranno il canale Malamocco-Marghera.

Riparte la crocieristica

Il calendario è il risultato del lavoro di coordinamento svolto nelle ultime due settimane da Autorità portuale, capitaneria di porto, sanità marittima aerea e di frontiera, agenzia delle dogane, polizia di frontiera, guardia di finanza e vigili del fuoco. Obiettivo, spiega l'Autorità portuale, è «far ripartire il settore della crocieristica nel rispetto della tutela del bacino di San Marco e del canale della Giudecca», oltre che avviare il confronto tecnico per i lavori di realizzazione di nuovi ormeggi in vista della stagione 2022.

«Una risposta ai lavoratori»

Secondo il presidente dell'Autorità portuale Fulvio Lino Di Blasio, l'operazione permette di recuperare il 50% della programmazione delle crociere di quest’anno: «Lo abbiamo fatto individuando soluzioni temporanee, verificandone l’idoneità rispetto alla tipologia di navi da ospitare, alla sicurezza e al bilanciamento tra traffico passeggeri e commerciale». In questo modo, ha detto, si riesce a «dare una risposta concreta e immediata in un momento particolarmente difficile per il settore della crocieristica, al fine di salvaguardare la destinazione Venezia, i lavoratori e la funzione della portualità. Questo - conclude - è solo il primo passo di un percorso che ci vedrà impegnati in autunno per dare un futuro sostenibile al settore della crocieristica a Venezia».

Nuovo comitato di gestione

In queste ore è stato anche pubblicato il decreto di costituzione del comitato di gestione dell’Autorità portuale, che si riunirà per la prima volta il 10 settembre. Il comitato è composto da Fulvio Lino Di Blasio, Piero Pellizzari (comandante del porto di Venezia), Dario Riccobene (comandante del porto di Chioggia), Giuseppe Roberto Chiaia (per la Città metropolitana) e Maria Rosaria Anna Campitelli (per la Regione Veneto).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approdi diffusi, ecco dove andranno le navi da crociera

VeneziaToday è in caricamento