Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Le crociere a Chioggia sono una possibilità, «ma dobbiamo valutare idoneità infrastrutture»

Per il presidente dell'Autorità portuale di Venezia Di Blasio, è necessario il rilancio della città anche come destinazione turistica e di traffico merci

«Su Chioggia stiamo cercando di capire l'idoneità delle infrastrutture che ci sono per accogliere navi da crociera, crociere fluviali e in generale per valorizzarla come destinazione a livello turistico e di traffico merci». È quanto ha riferito oggi il presidente dell'Autorità portuale di Venezia, Fulvio Lino Di Blasio, a margine della presentazione dei Port Days 2021.

Di Blasio ha spiegato che sono in corso studi infrastrutturali per capire effettivamente che tipo di navi possano accogliere le banchine presenti e i fondali. Allo stesso tempo, sarà necessaria una valutazione anche lato terra, per capire la capacità di accoglienza delle navi, «sempre che ci sia un effettivo futuro di destinazione», ha sottolineato Di Blasio. «Di certo, - ha aggiunto - sappiamo che ci sono grandi aspettative su questo territorio e intendiamo valorizzare sulle vocazioni specifiche dello scalo». Risposte definitive arriveranno a dicembre, quando sarà applicata la pianificazione strategica triennale, nella quale sarà declinata la visione strategica sul "sistema Chioggia".

Il presidente è intervenuto anche in merito all'episodio che questa mattina ha visto una nave in avaria rischiare di mettersi di traverso e incagliarsi. « Stiamo studiando la complessità del sistema portuale in generale, - ha  spiegato - all'interno del quale risiede anche quella dell'ingresso delle navi dal canale dei Petroli». Dopo la conversione in legge del decreto che prevede lo stop al passaggio delle grandi navi davanti a San Marco e nel canale della Giudecca, proprio il canale Malamocco-Marghera è la via designata per il transito dei giganti del mare diretti agli approdi temporanei. «La struttura commissariale, - ha aggiunto - è quella incaricata di fare opere nell'immediato e ridisegnare la crocieristica nel medio periodo. A breve avrò una coppia di subcommissari che mi consentiranno di prendere in carico la questione e incanalare gli input che mi arriveranno in un percorso ordinato».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le crociere a Chioggia sono una possibilità, «ma dobbiamo valutare idoneità infrastrutture»

VeneziaToday è in caricamento