menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Negozi aperti a Ognissanti: sindacati in piazza Ferretto, scioperi a San Donà

Il 1 novembre non sarà di riposo per tutti. I dipendenti della grande distribuzione saranno al lavoro come negli altri giorni. Castagnata in centro a Mestre. Il settore soccombe per la crisi

Ormai a ogni giorno di festa ci si ritrova di fronte allo stesso copione. Con una differenza: dietro alle aperture festive e domenicali dei centri commerciali si nasconde comunque una profonda crisi della grande distribuzione. Se i colossi soffrono, i piccoli negozianti non ridono. Anzi, devono affrontare difficoltà moltiplicate. Così è tutto il settore che sembra soccombere per i morsi della crisi: la gente non compra più. Quindi gli stessi commessi che devono lavorare la domenica o per il giorno di Ognissanti (che sarà domani) in alcuni casi si ritrovano poi anche cassintegrati o, peggio, prepensionati.

Per ribadire il diritto al riposo e il fatto che le liberalizzazioni hanno portato solo un peggioramento della qualità della vita dei dipendenti dei centri commerciali (senza portare ossigeno alle casse della grande distribuzione) giovedì pomeriggio in piazza Ferretto a Mestre i sindacati organizzano una castagnata. Qualche decina di chilometri più a nord, a San Donà di Piave, i dipendenti dell'IperCoop incrociano le braccia. Sciopero. Per loro non è possibile continuare così.


I dirigenti dei "colossi" dello shopping, con le dovute sfumature, controbattono che senza le aperture domenicali la situazione sarebbe ben peggiore. Un braccio di ferro destinato a continuare a stretto giro di posta anche sotto Natale: i centri commerciali, forse con qualche eccezione, terranno aperto infatti anche il 26 dicembre e l'1 gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento