Ancora nidi di rondini distrutti, Zanoni (Pd): "La Regione intervenga per far rispettare la legge"

Il consigliere del Partito Democratico ha depositato un'interrogazione per tutelare le specie a rischio di estinzione. "I dissuasori per piccioni hanno effetti mortali sugli uccelli"

Ora si vuol fare chiarezza con un'interrogazione a risposta immediata. A depositarla è il consigliere Pd della Regione Veneto, Andrea Zanoni, dopo un episodio accaduto nei giorni scorsi a Cavallino Treporti  LEGGI ARTICOLO e denunciato dalla Lipu BirdLife Italia, sezione di Venezia, con l’abbattimento di quattro nidi di rondine con i piccoli all’interno.

“Atti vandalici ma anche dissuasori anti piccioni continuano a causare la distruzione dei nidi di rondine. Rondini che in Italia sono a rischio estinzione e tutelate a livello europeo da ben due convenzioni, oltre che da leggi comunitarie, nazionali e regionali. Per questo sarebbe opportuno che proprio la Regione, sulla base della normativa vigente, intervenisse per salvaguardarli”, chiede Zanoni.

“Gli studi effettuati dalla Lipu non solo in Italia confermano una diminuzione della presenza di colonie di rondini e balestrucci, dovuta sia agli atti vandalici e all’installazione negli edifici pubblici e privati di dissuasori multiago anti piccioni che hanno conseguenze mortali su molte altre specie come ad esempio le rondini, che solitamente nidificano nei sottotetti e nei cornicioni.

Questi uccelli svolgono però un’importante funzione di equilibratori naturali come predatori di insetti e dovrebbero essere adeguatamente tutelati, come peraltro prevede la legge. In Italia – ricorda Zanoni - è stato introdotto nel 2010 il divieto di ‘distruggere o danneggiare deliberatamente nidi e uova’,  inoltre ci sono le convenzioni di Bonn e Berna, la legge nazionale del 1992 riguardante la protezione della fauna selvatica e la conservazione dell’avifauna e quella regionale, quella del 1993 con le norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.

Queste ultime due in particolare - continua il consigliere del Pd - stabiliscono che la distruzione di nidi con i piccoli all’interno costituisce reato. La normativa dunque c’è, ma occorre farla rispettare. Il compito spetta alle guardie provinciali, perciò con riferimento al caso di Cavallino Treporti sarebbe auspicabile che la Regione intervenisse tramite le guardie della Città metropolitana di Venezia per individuare i responsabili e si costituisse parte civile in un eventuale processo. E, più in generale, mi auguro che agisca fattivamente in ogni sede per prevenire la distruzione dei nidi di rondine, sempre più rari in Veneto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 10 gennaio 2021, le previsioni segno per segno

  • Perché il Veneto rischia seriamente la zona rossa dopo il 15 gennaio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento