Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

Lo ha annunciato Zaia questa mattina in conferenza stampa. Il governatore si è dimostrato preoccupato per la percezione di libertà di molti cittadini

Controlli delle forze dell'ordine (©Ansa)

Lo ha annunciato questa mattina il presidente Luca Zaia, intervenuto in conferenza stampa dalla sede della protezione civile di Marghera: lunedì firmerà una nuova ordinanza che andrà ad inasprire le regole per i veneti. «Siamo passati da rischio di contagio basso a elevato, - ha detto il governatore - perché siamo passati dall'Rt (leggasi R con t), ovvero il tasso di contagiosità, di 0,43 a 1,63. Io non so a chi fare i complimenti, anzi avrei scritto rischio elevatissimo perché se continuiamo ad andare in giro senza mascherina e a creare assembramenti continuando a pensare che il virus sia un'invenzione è inevitabile che poi accada questo».

Lunedì la nuova ordinanza

«Se continuiamo di questo passo - ha detto il presidente della Regione - non chiedetemi neanche se il virus tornerà ad ottobre, perché è già qui. Se passo da 0,43 a 1,63 vuol dire che qualcosa è accaduto: ai comportamenti irresponsabili che abbiamo visto nelle ultime settimane se ne sono aggiunti altri a cui abbiamo assistito nelle ultime ore. A Roma ci diano gli strumenti e la possibilità di ricorrere al ricovero coatto in determinati casi. Quello che sta accadendo è gravissimo. - ha aggiunto - C'è una sorta di percezione di liberazione dal virus, ma c'è ancora. La legge prevede multe fino a mille euro per chi va in giro liberamente anche se positivo, e io trovo ridicolo che la vita di una persona venga valutata mille euro. Secondo me bisogna inasprire le pene».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Focus sulla prevenzione

Intanto proseguono a pieno ritmo i controlli dei tecnici del dipartimento di Prevenzione dell'Ulss 4 sulle strutture di ristorazione e turistico alberghiere nelle località di Bibione, Caorle, Eraclea, Jesolo e Cavallino Treporti. Il loro compito è quello di verificare se nelle strutture vengono rispettate le misure comportamentali previste dai decreti ministeriali e recepite dalla Regione Veneto, per quanto concerne la prevenzione dell'infezione da covid. Tra queste, la predisposizione di adeguata informazione al pubblico, in varie lingue, sulle misure di prevenzione; presenza di prodotti per l'igienizzazione delle mani; priorità di accesso tramite prenotazione e il mantenimento per 14 giorni dell'elenco dei soggetti che hanno prenotato; tavoli posti in modo da garantire almeno 1 metro di distanza tra i clienti così come la distanza al bancone; in generale l’adeguata distanza interpersonale ma anche il corretto utilizzo della mascherina; l'igienizzazione e la sanificazione ambientale e molto altro. In tutti i casi inadempienza verranno comminate le relative sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Malore dopo un festino a base di alcol ed eroina: abbandonato in auto dagli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento