menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tra le delibere principali il riordino dei plateatici alla Giudecca

Tra le delibere principali il riordino dei plateatici alla Giudecca

Rivoluzione del commercio ambulante a Venezia: concessioni a gara e banchi uguali

Ok della giunta alle proposte di "banco tipo", ora parola al Consiglio. Riordino dei plateatici alla Giudecca e in campo San Bartolomio. Nel mirino Gran viale al Lido e Cannaregio

Ordine là dove in alcuni casi mai si era messo bocca, come a Torcello. Durante la riunione di giunta di giovedì, l'amministrazione comunale di Venezia ha approvato una delibera con cui si mette un punto fermo sui pianini di alcune zone del centro storico, adeguandosi alla direttiva Bolkestein. Per quanto riguarda Giudecca, campo San Bartolomio, San Tomà, campo del Ghetto Novo e Sant'Aponal, le nuove misure sono immediatamente esecutive, e nella maggior parte dei casi si è di fronte a conferme. Nel caso del riordino di Torcello (spostamento dei banchi sul sentiero e del chiosco vicino all'imbarcadero) e della strutturazione del nuovo "banco tipo" ci dovrà essere invece un passaggio in Consiglio comunale. 

GIUDECCA E BANCO TIPO

Il grosso del lavoro dei tecnici del Comune, che hanno trovato l'accordo con le associazioni di categoria, è stato mettere mano di concerto con la Soprintendenza alla riva della Giudecca, dove sono sorte nuove attività. Alcune di esse saranno spostate lato riva al posto di essere addossate agli edifici. I nuovi bandi permetteranno di ottenere concessioni più "stabili", ma è l'intero settore del commercio ambulante che vivrà una piccola rivoluzione nei prossimi mesi. Specie con lo sbarco in Consiglio del progetto del "banco tipo". Tradotto: dopo la futura approvazione del parlamentino locale, ogni scheda tecnica in cui sarà richiamata questa dicitura avrà una determinazione ufficiale. Che si divide in banchi per l'ortofrutta a uno o due fronti e in banchi per i souvenir. 

banco tipo 01-2

IN AUTUNNO I PRIMI BANDI

In autunno scatteranno i primi bandi per le concessioni, dunque i risultati si avranno in primavera. A quel punto chi vorrà continuare a svolgere l'attività dovrà essersi adeguato (strutture tutte simili agevolerà anche i controlli della polizia locale). Nel giro di un paio d'anni tutte le zone del centro storico saranno interessate da nuove graduatorie e di conseguenza gran parte delle strutture eterogenee che ora caratterizzano il capoluogo lagunare sono destinate a sparire. 

banco tipo 02-2

TUTTO SARA' MESSO A GARA

Per i plateatici le concessioni dureranno per 5 anni, mentre per i chioschi saranno di 12. Ora durano 10, ma con rinnovo tacito e automatico. Dall'entrata in vigore della direttiva Bolkestein non sarà più così: tutto sarà messo a gara. Nei prossimi mesi in discussione saranno, tra le altre, le zone del gran viale del Lido, delle rive di Cannaregio e fondamenta Ormesini. La strategia di Ca' Farsetti è stata quella di discutere con le associazioni di categoria in ottica di salvaguardia dei posti di lavoro, in cambio di un adeguamento complessivo e un riordino delle attività commerciali.

I NUOVI PIANINI

GIUDECCA 01

GIUDECCA 02

GIUDECCA 03

CAMPO DEL GHETTO NOVO

CAMPO SANT'APONAL

CAMPO SAN TOMA'

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento