Stop ai "furbi" del semaforo rosso, a Jesolo arrivano tre nuovi "T-red"

Saranno attivi dalla mezzanotte di lunedì: multa in automatico se l'auto attraversa l'incrocio quattro secondi dopo che è scattata la luce gialla

Occhio al semaforo rosso, dal 27 aprile a Jesolo la multa è assicurata: dalla mezzanotte di lunedì si attivano infatti tre nuovi dispositivi "T-Xroad", in altrettanti punti valutati sensibili dal punto di vista della sicurezza stradale. Individuati dalla polizia locale, riguardano il controllo dei veicoli provenienti da via Roma Sinistra incrocio con via Battisti e via Colombo, quelli provenienti da via Roma Destra incrocio con via Cà Gamba e infine le auto provenienti da via Cà Gamba incrocio con via Roma Destra.

Il tempo della luce gialla degli impianti semaforizzati è regolato a 4 secondi, come dettato dalle linee guida del ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Anche se, specifica il Comune, in base alle caratteristiche della strada e del limite massimo di velocità di 50 chilometri all'ora sarebbero stati sufficienti anche 3 secondi. L’infrazione viene rilevata e verbalizzata al passaggio del veicolo oltre la linea d’arresto con sola luce rossa.

In prossimità dei semafori è stata installata e resa ben visibile la segnaletica verticale di preavviso indicante la presenza dei dispositivi per il rilevamento automatico delle infrazioni, così come previsto dal codice stradale. Nei prossimi giorni, per avvisare anche gli ospiti che giungono a Jesolo, verrà fatto scorrere un avviso sui pannelli a messaggio variabile gestiti da Jtaca per diffondere la comunicazione dell’attivazione dei tre sistemi di rilevazione elettronica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’installazione di queste apparecchiature è la tappa di un percorso per creare sicurezza nel territorio - spiega l’assessore alla Sicurezza Luigi Rizzo – Abbiamo pensato prima alle persone che ad altri criteri, al contrario di quanto detto da qualcuno con intento polemico. Cercheremo di informare nel miglior modo possibile i cittadini e gli ospiti, certi di aver comunque operato una scelta giusta a tutela, come detto, prima di tutto della sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento