menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dpcm con le regole fino a Pasqua e le nuove restrizioni

Sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile il nuovo decreto. Il ministro Speranza: «Non ci sono le condizioni per allentare le misure»

Anche la Pasqua 2021 sarà una pausa blindata a causa del covid. Il nuovo Dpcm che entrerà in vigore il prossimo 6 marzo sarà infatti in vigore per un mese, fino al 6 aprile e il Governo non prevede nessun allentamento delle restrizioni in vigore. È bene ricordare come sia in vigore da oggi il nuovo decreto legge che proroga le zone a colori che suddividono le regioni in diversi livelli di rischio, e il divieto di spostamento tra le regioni fino al 27 marzo. Pasqua salva per i ricongiungimenti familiari e per una breve vacanza fuori Regione? Troppo presto per dirlo: una nuova proroga delle restrizioni agli spostamenti non è esclusa anche per via del progressivo peggioramento della situazione pandemica come evidenziato anche dall'ultimo bollettino coronavirus. Lo riporta Today.

Il Dpcm con le regole per Pasqua

Sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile il nuovo Dpcm che il Governo sta limando in queste ore. Dopo lo scetticismo espresso dal Comitato tecnico scientifico (Cts) in merito alle possibili riaperture, il ministro della Salute Roberto Speranza nei suoi interventi in Senato e alla Camera ha spiegato che il quadro epidemiologico rende impossibile allentare le misure.

Quello che è certo è che la suddivisione in fasce resterà così come non ci sarà una zona arancione nazionale, ma dopo la richiesta dei goverantori si discute se rimodulare i parametri che decidono le fasce dei colori. L'esecutivo proseguirà con la deliberazioni di decreti legge che forniscano un quadro normativo e Dpcm che dettaglino le misure specifiche in base all'andamento epidemiologico. Le Regioni sperano di ottenere il via libera al servizio serale per i ristoranti in area gialla, invece è certo che non vi sarà a breve nessuna riapertura di cinema e teatri, né tantomeno delle palestre. Inoltre se le raccomandazioni del Cts troveranno spazio dal decisore politico si renderà più facile l'ingresso in zona arancione e rossa. Resta l'intento, già preannunciato dal premier Draghi, di migliorare la tempistica degli annunci per dare più tempo a cittadini e operatori economici di prepararsi alle eventuali chiusure.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Attualità

    Brugnaro: «Il 24-25 aprile pronti ad aprire tutti i musei»

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento