menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo elettrodotto Terna Malcontenta-Mirano: Spinea pesantemente coinvolta

I cittadini non sanno e le informazioni sono poche e insufficienti

E' apparso il giorno 8 agosto sulla stampa (e qualche giorno dopo nell'albo pretorio on-line del comune di Spinea) l'AVVISO DI APPROVAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO CON IMPOSIZIONE DEL VINCOLO DI ESPROPRIO DELL'ELETTRODOTTO TERNA DA 380KV DOLO-CAMIN.

L'elettrodotto rientra nell'accordo di programma VALLONE MORANZANI, dove gli elettrodotti che insistono su un terreno già compromesso dal punto di vista ambientale, e che accoglierà in fanghi lagunari, saranno interrati per dare vita ad un grande parco, mentre passerà aereo su un territorio densamente abitato nel tratto MALCONTENTA/MIRANO, tra i comuni di Mira e Spinea (leggi frazioni di Borbiago, Olmo di Mira, Fornase e Crea). Qui trovate il progetto del percorso.

Spinea, tra tutti i comuni interessati dall'attraversamento del nuovo elettrodotto TERNA da 380 kV, È IL COMUNE PIÙ DANNEGGIATO, perché è quello che a fronte dell'opera non ottiene alcuna compensazione in termini di riduzione delle linee di elettrodotto aereo (+1,1 km) e di riduzione delle superfici asservite (+15,93 ha).

Come movimento, associazione Spinea 5 Stelle e cittadini chiediamo di confrontarci con Terna su alcuni punti fondamentali. LINK ALLE DOMANDE

Ieri sera sono andato in municipio per assistere all'incontro organizzato dall'amministrazione comunale sull'elettrodotto e, se me ne fosse data la possibilità, porre a TERNA le nostre domande.

Purtroppo non mi è stato possibile perché SONO STATO GENTILMENTE INVITATO AD ANDARMENE! La riunione era RISERVATA ai soli proprietari dei fondi interessati dalla servitù di passaggio dell'elettrodotto. La procedura è prevista e sicuramente corretta sotto il punto di vista istituzionale, ma trovo che questo sia stato un atto gravissimo per il diritto di informazione del cittadino.

Un elettrodotto è un'opera i cui effetti, sul territorio, l'ambiente, il paesaggio, interessano TUTTI, non solo i proprietari delle aree coinvolte, ANCHE COLORO CHE VIVONO NELLE VICINANZE HANNO IL DIRITTO SI SAPERE.

In questo modo siamo stati TUTTI ESPROPRIATI, qualcuno di un pezzo di terra, TUTTI dell'informazione e del confronto con le istituzioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento