Cronaca

C'è chi vuole un nuovo lockdown totale

L'esigenza di un'immediata e rigorosa stretta è stata sollecitata da alcuni esperti per arginare la diffusione delle varianti covid, ma non tutti sono d'accordo

Continuare a convivere con il virus usando il sistema dei colori per le diverse aree di rischio o chiudere tutto, come nella primavera del 2020? L'emergenza sanitaria legata alla pandemia di coronavirus non accenna a fermarsi, con la curva dei contagi che nelle ultime settimane non ha dato segni di discesa. E riprende quota l'ipotesi di un lockdown totale per l'Italia, soprattutto per arginare la diffusione delle varianti più contagiose. Con l'indice Rt in risalita a 0.95 e l'istituzione di alcune zone rosse in diversi comuni italiani, l'esigenza di un'immediata e rigorosa stretta è stata sollecitata da alcuni esperti, ma non tutti sono d'accordo con l'esigenza del ritorno a una chiusura totale. Quest'ipotesi, come spiega oggi Today, ha già provocato le prime scintille nel Governo di Mario Draghi.

Nuovo lockdown totale in Italia?

A caldeggiare un lockdown duro è in primis Walter Ricciardi, docente di Igiene e Medicina preventiva all'università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza per l'emergenza coronavirus. «Al ministro ho sottoposto la necessità di proporre al Governo tre cose, anche alla luce del problema delle varianti: lockdown breve e mirato per 2, 3 o 4 settimane, ossia per tutto il tempo necessario a riportare l'incidenza di covid al di sotto dei 50 casi per 100mila abitanti. Tornare a testare e tracciare; vaccinare a tutto spiano. Io sono consigliere del ministro della Salute e a lui mi rivolgo. - ha aggiunto - E Speranza ha sempre accolto i miei suggerimenti. Nel precedente Governo, però, trovava un muro, trovava la linea di chi voleva convivere con il virus. Questo ha causato decine di migliaia di morti e ha affondato l'economia».

Ma a richiesta di Ricciardi non è rimasta isolata. Il Comitato tecnico scientifico (Cts) ha messo a verbale venerdì scorso che serve un rafforzamento delle misure anti covid, per tentare di arginare i contagi dovuti alle nuove varianti del coronavirus: «L'incidenza dell'epidemia risulta nuovamente in crescita, con un impatto sostenuto sui sistemi sanitari», hanno scritto i tecnici e gli scienziati al termine della riunione in cui hanno analizzato gli ultimi dati epidemiologici.

Sulla stessa linea di Ricciardi è il professor Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia all'Università di Padova. «Il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare. Bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai. Serve un lockdown duro subito per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti come in Inghilterra, Portogallo e Israele. E neanche zone arancioni, va chiuso tutto e va lanciato un programma nazionale di monitoraggio delle varianti».

Al contempo, le parole di Ricciardi hanno scatenato le critiche di diversi politici. Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha commentato: «Spero che con il nuovo Governo finisca anche la stagione degli allarmismi su giornali e tg». Contraria anche Giorgia Meloni: «Ricciardi, consulente del ministro della Salute, propone un nuovo lockdown totale. La proposta è surreale. Se dopo un anno e più siamo ancora a parlare di lockdown totale, significa che la politica di lotta alla pandemia è stata totalmente fallimentare».

Non ultimo, anche il presidente del Veneto Luca Zaia, nel corso del punto stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Venezia, è intervenuto sul tema. «In Veneto la situazione dell'epidemia è buona - ha detto Zaia - e non si capisce perché oggi parlano tutti delle varianti del virus e della loro pericolosità. Noi ne abbiamo parlato fin da dicembre. Se sei uno scienziato e dici di fare il lockdown non rischi niente, non hai responsabilità giuridica nel dirlo. Ma noi abbiamo o non abbiamo il diritto di sapere quali sono le basi scientifiche su cui vengono fatte queste scelte?».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è chi vuole un nuovo lockdown totale

VeneziaToday è in caricamento