menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il "limbo" si è concluso: da giovedì entra nei pieni poteri il nuovo procuratore Cherchi

Dopo il pensionamento di Luigi Delpino, la Procura di Venezia è stata retta ad interim da Adelchi d'Ippolito. L'8 giugno alle 11 il passaggio di consegne in cittadella della giustizia

Ora c'è l'ufficialità. E pure una data. Giovedì prossimo, durante una breve udienza prevista alle 11, ci sarà il passaggio di consegne tra il procuratore reggente Adelchi D'Ippolito e il nuovo procuratore capo della Repubblica di Venezia, Bruno Cherchi. Il 63enne, che già in passato aveva lavorato a Venezia, succede al procuratore Luigi Delpino, andato in pensione il 31 dicembre scorso.

La Procura in questo periodo è stata retta da Adelchi D'Ippolito (prima da Carlo Nordio, andato in pensione pure lui a febbraio). Ora la nuova guida. Cherchi, nativo di Cagliari e padovano d'adozione, arriva da Ferrara, dove ha coordinato la locale Procura. La sua nomina è stata votata all'unanimità dal plenum del Consiglio superiore della magistratura e già nelle scorse settimane era stato in visita tra i corridoi della cittadella della giustizia di piazzale Roma. 

In passato, per anni, Cherchi ha lavorato alla Procura generale della Corte d'Appello di Venezia, occupandosi anche dei processi inerenti alla Mala del Brenta. Prima ancora aveva lavorato a Padova come pubblico ministero, specializzandosi in particolare nei processi per reati fiscali e tributari. A Ferrara alcuni casi seguiti da Cherchi hanno raggiunto la ribalta nazionale, come la vicenda che portò all'arresto dell'ex ministro dell'Ambiente, Corrado Clini.

In questi mesi la reggenza è stata del procuratore aggiunto Adelchi d'Ippolito, che ha messo a segno diversi risultati di prestigio. Specie l'arresto dei cittadini kosovari che, secondo l'accusa, stavano progettando un possibile attentato con armi bianche al Ponte di Rialto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Attualità

    Brugnaro: «Il 24-25 aprile pronti ad aprire tutti i musei»

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento