menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo pronto soccorso dell'Angelo, prese per i cellulari, monitor e wifi

L'ospedale di Mestre si riorganizza. Un ambulatorio che pensi al malato ma anche ad alleggerire la tensione sua e dei familiari

Un ponto soccorso, pronto davvero, a gestire i malati, i parenti dei malati e le loro esigenze, non solo cliniche. È quello per cui si sta attrezzando il Pronto soccorso di Mestre che, come riporta il Gazzettino, tra prese per ricaricare i telefonini, colonne per i reclami, free wi-fi e maxi schermi, oltre alle cure si preoccupa anche di creare uno spazio più accogliente e alleviare le angosce di pazienti e visitatori.

OSPEDALE L'ANGELO DI MESTRE - Ci sono gli ammalati e i familiari o gli amici. Ci sono poi le eterne attese nelle sale d'aspetto. I pronto soccorso non si occuperanno più solo di curare il male, ma anche di alleggerire la tensione e velocizzare le procedure. Nuovi spazi, display che segnalano in tempo reale l'entità della coda, ma anche il numero di persone sui lettini, al di là delle porte. Perché chi entra negli ambulatori, non solo all'Angelo di Mestre, vuole soprattutto essere informato, avere un'idea di cosa stia accadendo.

DIRETTIVE REGIONALI - Tutti i pronto soccorso del Veneto sono in fase di riorganizzazione e di adeguamento alle nuove linee guida della Regione Veneto. In previsione, una corsia diretta per chi abbia con sé la ricetta per una visita specialistica d'urgenza. Il paziente sarà indirizzato direttamente al reparto competente, evitando lo screening del medico censore e risparmiando un bel po' di tempo. Non solo. Stanze con giochi per i più piccoli e sale per l'allattamento. Inoltre, le disposizioni prevedono che l'ambulatorio si attrezzi con opuscoli informativi e monitor che si accenda riportando la scritta "emergenza in corso". Un progetto di riqualificazione dell'ambiente ospedaliero che si preoccupa di alleggerire tensione, code e affollamenti, ma che non dimentica il paziente e il suo male. Per questo, tra le direttive, quella di intervenire nell'immediato anche sul dolore dei malati con bollino verde e bianco, perché l'attesa non sia più un calvario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento