Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Partono i lavori per il nuovo terminal Atvo di San Donà di Piave

La nuova stazione degli autobus sarà pronta per dicembre 2022. Entro l'anno sarà progettato anche il nuovo deposito dei mezzi, che potrebbe essere dislocato in via dei Silos. Saranno investiti 4 milioni di euro

È iniziato ufficialmente il futuro del sistema di trasporto Sandonatese. Oggi è stato firmato nella sede di Atvo il contratto con l'Ati, associazione che si occuperà di realizzare il nuovo terminal autobus, che nel prossimo futuro potrà mettere a disposizione un servizio di interscambio ferro-gomma: va ricordato, infatti, che è in corso l'iter burocratico per la realizzazione della nuova stazione ferroviaria. «Oggi è una giornata importante, - ha commentato il presidente dell'azienda Fabio Turchetto - perché con questa firma abbia dato il via alla realizzazione di un nuovo sistema integrato».

La nuova autostazione di San Donà

I lavori dovrebbero essere conclusi entro dicembre 2022, per un investimento totale di 4 milioni di euro, cui se ne aggiungono 56mila per gli interventi di messa in sicurezza. Ad occuparsi dell'intervento saranno Susanna Costruzioni e Ifaf di Noventa di Piave, Intese di San Donà e Fiel di Ceggia, tutte parte di Ati.

Nello specifico, il nuovo terminal dei bus Atvo sorgerà su un’area di 15mila metri quadrati, tra le vie Pralungo ed Ereditari, a ridosso della cosiddetta Cantina dei Talenti. Avrà uno stile architettonico moderno e garantirà maggiori servizi all’utente, a cominciare da una sala d’attesa molto ampia. Lo spostamento dell'autostazione comporterà inevitabilmente anche la riorganizzazione del servizio urbano, che solo sulla città di San Donà conta 120 mezzi (sui 300 totali di cui dispone Atvo).

Successivamente si penserà anche alla realizzazione del nuovo deposito bus: nel corso di quest'anno si dovrebbe completare la fase progettuale, per avviare poi i lavori nel 2022, dopo la valutazione delle condizioni economiche; gli uffici amministrativi potrebbero trovare invece nuova sede in un edificio in via Silos. «Si tratta di un progetto rivolto al miglioramento dei servizi al cittadino, anche per quanto riguarda il trasporto pubblico, particolarmente importante in un’area come quella del sandonatese, - ha commentato Saverio Centenaro, delegato del sindaco metropolitano Luigi Brugnaro - snodo fondamentale per il trasporto pubblico, utilizzato anche da moltissimi giovani studenti delle scuole superiori del territorio del Veneto orientale. Il fatto che il terminal poi coincida con la realizzazione anche dalla nuova stazione ferroviaria accresce il valore di quest’opera che diventa complementare per il trasporto pubblico dell’area del sandonatese».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partono i lavori per il nuovo terminal Atvo di San Donà di Piave

VeneziaToday è in caricamento