menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo stabile abbandonato

Lo stabile abbandonato

Escrementi e droga dentro l'hotel abbandonato, il blitz delle autorità

Polizia e vigili giovedì hanno passato al setaccio la struttura in disuso in viale Oriente, scoprendo dentro un italiano e tre stranieri senza documenti

Ancora controlli a Jesolo, questa volta dentro le strutture abbandonate che troppo spesso diventano il luogo di bivacco di clandestini e sbandati. Giovedì gli agenti del commissariato, affiancati dai vigili urbani, sono piombati all'interno dello stabile in disuso che un tempo ospitava l'hotel “Linz” in via Oriente, scoprendo al suo interno quattro persone, numerose dosi di droga e alcune biciclette, presumibilmente rubate.

SCOPERTI – Le forze dell'ordine sono entrate nell'edificio intorno alle 7.15, notando subito come il pavimento del piano terra fosse ricoperto di escrementi umani e rifiuti, segno di un occupazione clandestina delle stanze abbandonate. Al secondo piano, infatti, poliziotti e vigili hanno sorpreso un gruppetto di persone che dormivano su alcune reti metalliche: il gruppetto è stato fermato e accompagnato al commissariato, dove i vari individui sono stati identificati come un italiano di 41 anni, con addosso mezzo grammo di hashish; un tunisino 42enne, con in tasca 320 euro; un marocchino di 21 anni, in possesso di 6,6 grammi di marijuana già suddivisa in cinque sacchettini; infine un secondo marocchino, 22enne. Tutti gli stranieri risultavano in Italia senza fissa dimora e privi di documenti: il 42enne e il 21enne sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio in concorso, il primo è stato anche accompagnato al centro di identificazione ed espulsione, il secondo è stato denunciato per inottemperanza dell'ordine del Questore; il 22enne ha invece ricevuto proprio in quell'occasione lo stesso ordine. Dietro la struttura alberghiera sono state poi trovate quattro biciclette in ottimo stato, presumibilmente di provenienza illecita, sequestrate con lo scopo di poter risalire ai legittimi proprietari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Altino, le indagini di Ca' Foscari svelano un porto

  • Cronaca

    Buco nell'asfalto, strada chiusa a Torre di Mosto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento