L'allarme di Bettin: "Tornano a occupare in via della Rinascita, il Comune intervenga"

Il presidente della Municipalità di Marghera: "Un'italiana e un tunisino, lui notorio spacciatore, si sono impossessati di un alloggio vuoto. Si ristabilisca la legalità"

"Tornano e occupano, dando nuova linfa ai loro affari spesso illeciti". Questo, in sintesi, l'allarme lanciato dal presidente della Municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin, che in una nota ha segnalato come "numerosi residenti hanno segnalato che in via della Rinascita a Marghera è in corso l'occupazione di un alloggio da parte di un nucleo composto da un'italiana e un tunisino notoriamente coinvolti in vicende di droga e altre illegalità". 

"Atteggiamento plateale da impuniti"

Secondo Bettin l'alloggio sarebbe sfitto da oltre un anno, essendo deceduta la precedente assegnataria: "Il Comune non ha mai ricevuto le chiavi dai parenti della donna deceduta e non ne è mai rientrato in possesso, malgrado non siano mancate le segnalazioni sul rischio di occupazione abusiva - continua Bettin -  Ora, con atteggiamento platealmente da impuniti e da padroni dell’alloggio, i suddetti stanno tranquillamente portandoci la propria mobilia, andando su è giù senza problemi". 

"Il Comune intervenga"

La richiesta del presidente della Municipalità e dei residenti è che l'amministrazione comunale intervenga impedendo questa occupazione: "Tutto il vicinato è in allarme, conoscendo di quali soggetti si tratti (il tunisino è ricorrentemente agli onori della cronaca per spaccio e altre malestorie) - conclude Bettin - Questo è un quartiere dove faticosamente si stanno cercando di riqualificare il patrimonio edilizio e l’ambiente urbano, confidando sulla partecipazione della stragrande maggioranza delle persone per bene e di buona volontà che ci vivono. Consentire questa prepotenza significa invece ricacciare indietro la situazione, perciò il Comune - al quale l’abbiamo tempestivamente segnalata - deve intervenire immediatamente, recuperando le chiavi dell’alloggio e il suo pieno possesso, in modo da riassegnarlo quanto prima a chi davvero ne ha diritto".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento