menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Morìa di pesci in laguna

Morìa di pesci in laguna

La città si tura il naso: alghe maleodoranti e morìa di pesci

Troppe le alghe cresciute in acqua che "rubano" ossigeno ai pesci. Ne fanno le spese go, paganelli e triglie. Forte odore a piazzale Roma

Come quasi ogni anno nei mesi più caldi dell'anno tornano a farsi "sentire" (nel vero senso della parola) le alghe in putrefazione in laguna. Odore pungente e fastidioso sia sul ponte della Libertà, sia a piazzale Roma. Ma problemi si segnalano fino alle Zattere, specie in fatto di morìa di pesci. Go, paganelli, triglie ma amche branzini e cefali.

Tutti esemplari che vivendo sul fondo della laguna rimangono vittima dell'intensa crescita delle alghe che "ruba" loro l'ossigeno necessario per la sopravvivenza. Risultato: florescenza, tappeti verdi nelle zone in cui l'acqua è più stantìa e pesci qua e là galleggianti. Anche l'anno scorso si registrò un'emergenza simile. Il caldo e il basso ricambio dell'acqua non lasciano scampo agli animali. E i residenti devono convivere con un intenso (e fastidioso) odore dovuto alle alghe in putrefazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento