Omicidio suicidio di Asiago, il ricordo dei vicini: «Una famiglia chiusa in se stessa»

Le testimonianze dei residenti di via Dante a Mirano, sconvolti per il tragico epilogo

La casa in via Dante in cui avevano vissuto

«Hanno sempre abitato qui, li conoscevo da tanti anni. Erano una famiglia strana, completamente chiusa in se stessa». I vicini di casa di Ubaldina, Italo e Silvia Marzaro pur non conoscendoli a fondo sapevano che erano persone particolari, un po' fuori dagli schemi. Ieri pomeriggio, quando hanno appreso la notizia, si sono ritrovati sul marciapiede lungo via Dante, a Mirano. Chiacchieravano, volevano saperne di più sulla tragedia, si confrontavano. Dopo le 18 il viavai era continuo, anche se la famiglia Marzaro non vive più lì da circa un anno. 

«Circa a febbraio, marzo hanno venduto tutto e si sono trasferiti ad Asiago - racconta un vicino -. Tra noi non c'erano grandi rapporti, ma loro non ne avevano quasi con nessuno». Italo aveva lavorato come intermediario nel settore immobiliare prima di andare in pensione. Aveva quattro fratelli: una di loro era una maestra alle scuole elementari e altri due avevano una macelleria in via Miranese, a poche decine di metri di distanza. La figlia Silvia, invece, «era una ragazza chiusa - raccontano i vicini -. Un po' strana, come se avesse tanta rabbia dentro». La figlia, in passato, sembra che avesse vissuto anche delle situazioni di stress a livello psicologico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Italo, la moglie Ubaldina e la figlia Silvia vivevano al piano superiore di una bifamiliare che da quando se ne sono andati è rimasto chiuso. Persone riservate, che «non avevano mai ospiti al di fuori di qualche parente, non frequentavano la parrocchia né associazioni e non andavano mai in ferie - aggiunge Giorgio, il vicino -. Li avevo sentiti litigare a volte, ma come accade in tutte le famiglie. La moglie di Italo era tranquilla, con lui invece avevo avuto qualche problema perchè mi aveva aggredito». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento