Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio di Maila Beccarello, sit in al processo: «Nessuno sconto di pena per l'assassino»

Durante l'udienza del processo di appello a Natalino Boscolo Zemello, già condannato a 30 anni in primo grado per l'omicidio della compagna, alcune associazioni hanno organizzato un presidio davanti all'aula bunker

 

«Giustizia per Maila Beccarello, nessuno sconto di pena». E' quanto c'era scritto in alcuni cartelloni affissi venerdì mattina davanti all'aula bunker di Mestre, dove è in corso il processo d'Appello a Natalino Boscolo Zemello, il 37enne di Chioggia già condannato a 30 anni in primo grado per l'omicidio della compagna Maila.

Il delitto si era consumato nella casa in cui vivevano, a Cavarzere, nella notte tra il 7 e l'8 agosto 2018. Secondo l'accusa, Boscolo Zemello avrebbe massacrato di botte Maila, poi avrebbe chiamato il 118 al mattino. Dopo la condanna in primo grado, ora è la volta dell'Appello e proprio venerdì mattina alcuni familiari di Maila, sostenuti dalle associazioni Presidio di Padernello e Altea Aps hanno manifestato davanti all'aula bunker per chiedere che non ci siano sconti di pena.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento