Uccise il coinquilino con una coltellata: assolto

Ionut Goergian Bejenaru secondo la perizia psichiatrica aveva agito in preda a un disturbo psicotico delirante

Assolto perché non imputabile per incapacità di intendere e di volere al momento del fatto. E' la sentenza letta questa mattina dal gup di Venezia Andrea Battistuzzi nei confronti di Ionut Georgian Bejenaru, 29enne romeno accusato di aver ucciso il collega di lavoro e coinquilino Gheorghe Suta il 9 marzo del 2018 nell'appartamento che condividevano a Mira. Il giudice ha ordinato anche il trasferimento di Bejenaru in un ospedale psichiatrico giudiziario in rems per cinque anni. 

Le motivazioni della sentenza arriveranno entro 90 giorni, ma è probabile che il giudice si sia basato sulla perizia psichiatrica che aveva dimostrato che Bejenaru al momento del fatto era totalmente incapace di intendere e volere perchè affetto da un disturbo psicotico delirante, e cioè un disturbo breve e transitorio, destinato a svanire. Bejenaru aveva ucciso con una coltellata alla gola il collega, che era anche il suo capo a lavoro (entrambi erano operai per una ditta che lavora in subappalto per Fincantieri), mentre quest'ultimo stava ancora dormeno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Grosso giro di prostituzione in due locali: prestazioni fino a 1500 euro a notte, 5 persone in arresto

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Ladri in fuga sui tetti, braccati con l'elicottero e catturati

  • Schianto contro un muretto in cemento, perde la vita

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

Torna su
VeneziaToday è in caricamento