Cronaca

Vede cadavere trascinato da un uomo: è un 28enne ubriaco salvato dal padre

Nel Trevigiano la segnalazione ai carabinieri che un giovane apparentemente senza vita era stato caricato in auto da un'altra persona. Era un operaio chioggiotto "lasciato" dalla moglie

Pensava di aver assistito alle fasi finali di un omicidio. Invece era solo un ubriaco trascinato a forza in auto dal padre. Tragicomico episodio a Monastier, in provincia di Treviso, dove un residente in via Madonna, nella frazione di Pralongo, lunedì sera ha allertato i carabinieri dopo aver visto un uomo che trasportava un "corpo" attraverso un campo di soia per poi caricarlo in auto.

Protagonisti della scena un muratore 28enne residente a Chioggia e il padre, residente a Meolo. I militari dell'Arma, constatati i segni di trascinamento sul terreno, hanno avviato delle indagini, capendo poi ben presto che ci si trovava di fronte a un malinteso. Non c'era nessun morto, forse qualcuno alle prese con i postumi di una sbornia colossale.

 

Un'oretta prima rispetto "all'omicidio", infatti, il 28enne aveva litigato furiosamente con la moglie. Alle prese con i fumi dell'alcol, ha fermato il veicolo ed è sceso. Ancora pochi passi e poi è svenuto. La moglie, con a bordo anche un figlio di sette anni della coppia, ha quindi chiesto al suocero di venire a "prelevare" suo figlio, tornandosene a casa. L'avventura del 28enne si è conclusa nel magazzino adiacente all'abitazione dei genitori, dove con ogni probabilità ha smaltito la sbronza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vede cadavere trascinato da un uomo: è un 28enne ubriaco salvato dal padre

VeneziaToday è in caricamento