Omicidio Noventa, la richiesta delle pene: ergastolo per i fratelli Sorgato e 16 anni e 8 mesi per la tabaccaia Manuela Cacco

Nella terza udienza del rito abbreviato il Pm Falcone si è espresso nei confronti degli accusati dell'omicidio della segretaria di Albignasego. Alla Cacco riconosciute le attenuanti

Due ergastoli per i fratelli Sorgato, Freddy e Debora, e 16 anni e 8 mesi alla loro amica Manuela Cacco. Sono le richieste avanzate dal pm Giorgio Falcone al termine del terzo giorno di requisitoria nel processo in corso a Padova con rito abbreviato per l'omicidio di Isabella Noventa, la segretaria 55enne padovana uccisa nel gennaio 2016 di cui non è mai stato trovato il cadavere.

"Per Freddy e Debora Sorgato - spiega - è stato chiesto l'ergastolo escludendo attenuanti generiche e valutando in modo rigoroso la continuazione con il reato di soppressione di cadavere". Per Manuela Cacco la richiesta è stata 15 anni e 8 mesi per omicidio: la sua posizione è meno grave perché le sono state riconosciute le attenuanti generiche. È stata citata la sua "condotta di partecipazione all’omicidio, che ha riguardato solo l’accordo e non l'esecuzione materiale; e la diversa condotta processuale, visto che Cacco non si è sottratta al confronto con il Pm ed innanzi al giudice in sede di incidente probatorio". Le attenuanti bilanciano l'aggravante della premeditazione. Per quanto riguarda invece lo stalking e la simulazione di reato la pena finale è di un anno, quindi 16 anni e 8 mesi".

PROCESSO. Nel corso della prima udienza di martedì della scorsa settimana, Freddy Sorgato aveva presentato un manoscritto di cinque pagine, fornendo la sua versione dei fatti sulla notte in cui morì la segretaria di Albignasego.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SECONDA UDIENZA. Nella seconda udienza di martedì invece, i fratelli e la tabaccaia veneziana non avevano tradito alcuna emozione, ascoltando impassibili la lettura delle oltre 300 pagine di requisitoria. Secondo il pm Falcone il movente dell'omicidio sarebbe la gelosia. Un sentimento che avrebbe spinto Debora Sorgato ad uccidere Isabella, gelosa del rapporto con il fratello, e al tempo stesso preoccupata che la donna si potesse attaccare ai soldi di Freddy. Non solo, a monte ci sarebbe stato anche un sentimento di rabbia per le pene d'amore del fratello. Lo stesso sentimento avrebbe mosso anche Manuela Cacco, gelosa del rapporto tra Freddy e Isabella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

  • Scomparso da tre giorni, trovato nel canale senza vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento