rotate-mobile
Cronaca San Donà di Piave / Piazza Indipendenza

L'omicidio di San Donà: "Ho incrociato Maritan in fuga, aveva gli occhi indiavolati"

La donna, 47enne, si trovava vicino a corso Trentin, quando si è imbattuta nell'ex Mala del Brenta: "Era pieno di sangue e con gli occhi spiritati: poco dopo sono arrivati i carabinieri"

"Aveva gli occhi spiritati, ai miei amici ho detto che sembrava di aver visto il diavolo. Una persona indiavolata". Le parole sono di Laura, 47enne di San Donà che subito dopo l'omicidio del parco Agorà si è imbattuta nel presunto assassino in fuga. Poi bloccato dai carabinieri e portato in caserma.

IL TESTIMONE OCULARE: "SI PICCHIAVANO, POI IL COLTELLO" - VIDEO, DETTAGLI

I DETTAGLI SUL DELITTO: TESTIMONIANZE, FOTO, VIDEO

La donna ancora non sapeva quello che era accaduto: poco dopo il fatto si trovava nei pressi della zona cosiddetta del "Crystal", complesso che comprende negozi, albergo e parcheggi proprio nel comune del Veneziano, ma qualcosa aveva intuito perchè Maritan, infatti, era completamente coperto di sangue: "Aveva sangue dappertutto: indossava un cappotto color cammello a tre quarti, una camicia bianca e un gilet, se non sbaglio di colore rosso, che però ha avuto cura di nascondermi. Probabilmente non voleva vedessimo tutto il sangue di cui era impregnato, ma era impossibile non notarlo. Gli copriva il colletto e la camicia".

L'omicidio di San Donà di Piave


Poi prosegue: "Ho visto che entrava e usciva da un hotel e, mentre tornava indietro, ancora una volta ha avuto cura di coprirsi il collo col bavero del cappotto per cercare di passare inosservato. Infine ho notato che stava parlando con i carabinieri: i militari discutevano con lui con molta calma, anche lui sembrava abbastanza tranquillo, non particolarmente turbato". Probabilmente è il momento, questo, in cui le forze dell'ordine sono riuscite a bloccarlo.



Una testimonianza che appare ancora più incredibile se si pensa che alcuni anni prima una cara amica della 47enne era rimasta vittima proprio di un delitto orchestrato dalla banda di Maniero: "Naturalmente conosco Silvano Maritan di nome, ma mai l'avevo incontrato di persona. Sapevo che era pregiudicato anche per quanto capitato alla mia conoscente in passato. Quando ho chiesto ad una persona chi fosse quell'uomo mi ha scioccata", conclude la donna.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio di San Donà: "Ho incrociato Maritan in fuga, aveva gli occhi indiavolati"

VeneziaToday è in caricamento