Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

Il delitto venerdì mattina nel sestiere di Castello. È morta Licia Zambon, di 80 anni, è stato fermato il marito Renato Berta. Sul posto la squadra mobile

Un anziano questa mattina ha ucciso la moglie nell'alloggio in cui i due abitavano, a Venezia. L'omicidio è avvenuto all'interno di un appartamento nel sestiere di Castello, di fianco a campazzo de l'Erba, nella zona est della città a pochi metri in linea d'aria dagli edifici dell'Arsenale. Il presunto assassino, Renato Berta, di 85 anni, è stato fermato dalla polizia e adesso si trova ricoverato in ospedale. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra mobile e della polizia scientifica, impegnati nelle indagini per ricostruire l'accaduto: stando alle prime informazioni, l'uomo avrebbe colpito la moglie, Licia Zambon di 80 anni, con delle coltellate al petto. Sul posto sono presenti anche i carabinieri.

VIDEO Il cartello sulla porta e la chiamata della badante

Il cartello: «Non entrare»

L'alloggio in cui è avvenuto il delitto fa parte di un complesso composto da diversi condomìni, che comprende anche un cortile interno. La donna, secondo quanto emerso, sarebbe stata malata da tempo. L'uomo avrebbe assunto psicofarmaci, non è chiaro se prima o dopo aver colpito la moglie; in seguito all'omicidio, Berta avrebbe affisso un foglio all'esterno della porta di casa con scritto "Non entrare, chiamate la polizia": probabilmente il messaggio era per la badante, arrivata sul posto nei minuti successivi. Sarebbe stata lei, infatti, a chiamare il 113, che ha subito inviato le volanti sul posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio a Venezia

Proprio la malattia dell'anziana signora, probabilmente, sta all'origine del gesto compiuto da Berta. Licia non poteva più muoversi e i litigi tra i due, pare, erano frequenti. Una situazione di disagio aggravata dalla solitudine e dall'età avanzata. È possibile che l'intenzione di Berta, dopo aver ucciso la moglie, fosse quella di togliersi la vita e per farlo ha ingerito un gran quantitativo di medicinali. I soccorritori l'hanno trovato intontito, ma vivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un nuovo mini focolaio di coronavirus in una casa di riposo di Mestre: anziano all'ospedale

  • Gli aggiornamenti sui casi di coronavirus

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

  • Si masturba affacciato alla finestra, denunciato

  • Sradicate tre colonne di un distributore di benzina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento